• 19 Maggio 2024 18:26

Clinica della Coppia

Che l'amore è tutto è tutto quello che sappiamo dell'amore. Emily Dickinson

Pillola del giorno dopo: raccomandazioni dell’OMS

Pillola del giorno dopo: raccomandazioni dell’OMS

Pillola del giorno dopo: raccomandazioni dell’OMS

Dr. Walter La Gatta

Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior

Aspetti principali

  • La contraccezione d’emergenza può prevenire fino a oltre il 95% delle gravidanze se assunta entro 5 giorni dal rapporto.
  • Può essere utilizzata nelle seguenti situazioni: rapporti non protetti, preoccupazioni su un possibile fallimento contraccettivo, uso scorretto di contraccettivi e violenza sessuale senza copertura contraccettiva.
  • I metodi di contraccezione di emergenza sono i dispositivi intrauterini contenenti rame (IUD) e le pillole contraccettive di emergenza (ECP).
  • Uno IUD contenente rame è la forma più efficace di contraccezione d’emergenza disponibile.
  • Le pillole contraccettive di emergenza raccomandate dall’OMS sono ulipristal acetato, levonorgestrel o contraccettivi orali combinati (COC) costituiti da etinilestradiolo più levonorgestrel.

A32/A11

Cos’è la contraccezione d’emergenza?

La contraccezione di emergenza si riferisce ai metodi di contraccezione che possono essere utilizzati per prevenire la gravidanza dopo il rapporto sessuale. Questi sono consigliati per l’uso entro 5 giorni, ma sono più efficaci quanto prima vengono utilizzati dopo l’atto sessuale.

Come funzionano le pillole del giorno dopo?

Le pillole contraccettive di emergenza prevengono la gravidanza prevenendo o ritardando l’ovulazione e non inducono un aborto. Lo IUD contenente rame impedisce la fecondazione provocando un cambiamento chimico nello sperma e nell’ovulo, prima che si incontrino. La contraccezione di emergenza non può interrompere una gravidanza stabilita o danneggiare un embrione in via di sviluppo.

Chi può usare la contraccezione d’emergenza?

Qualsiasi donna  in età riproduttiva potrebbe aver bisogno di contraccezione di emergenza per evitare una gravidanza indesiderata. Non ci sono controindicazioni mediche assolute all’uso della contraccezione d’emergenza. Non ci sono limiti di età per l’uso della contraccezione d’emergenza. I criteri di ammissibilità per l’uso generale di uno IUD in rame si applicano anche all’uso di uno IUD in rame per scopi di emergenza.


TERAPIE SESSUALI - CLINICA DELLA COPPIA

In quali situazioni può essere utilizzata la contraccezione d’emergenza?

La contraccezione di emergenza può essere utilizzata in una serie di situazioni dopo un rapporto sessuale. Queste sono :

  • Quando non è stato utilizzato alcun contraccettivo.
  • Violenza sessuale quando la donna non era protetta da un metodo contraccettivo efficace.
  • Quando c’è la preoccupazione di un possibile fallimento contraccettivo, da un uso improprio o scorretto, come ad esempio:
    rottura del preservativo, scivolamento o uso scorretto;
  • 3 o più pillole contraccettive orali combinate saltate consecutivamente;
  • più di 3 ore di ritardo rispetto all’orario abituale di assunzione della pillola a base di solo progestinico (minipillola), o più di 27 ore dopo la precedente pillola;
  • più di 12 ore di ritardo rispetto all’orario abituale di assunzione della pillola contenente desogestrel (0,75 mg) o più di 36 ore dopo la precedente pillola;
  • più di 2 settimane di ritardo per l’iniezione di solo progestinico di noretisterone enantato (NET-EN);
  • più di 4 settimane di ritardo per l’iniezione di solo progestinico depot-medrossiprogesterone acetato (DMPA);
  • più di 7 giorni di ritardo per il contraccettivo iniettabile combinato (CIC);
  • spostamento, rottura, lacerazione o rimozione precoce di un diaframma o di un cappuccio cervicale;
  • coito interrotto fallito (es. eiaculazione nella vagina o sui genitali esterni);
  • fallimento di una compressa o di una pellicola di spermicida a sciogliersi prima del rapporto sessuale;
  • errore di calcolo del periodo di astinenza o mancata astensione o mancato utilizzo di un metodo di barriera nei giorni fertili del ciclo quando si utilizzano metodi basati sulla consapevolezza della fertilità;
  • espulsione di un dispositivo contraccettivo intrauterino (IUD) o di un impianto contraccettivo ormonale.

Passaggio alla contraccezione regolare dopo l’uso delle pillole del giorno dopo

Le donne possono riprendere o iniziare un metodo contraccettivo regolare dopo l’uso della contraccezione d’emergenza. Se uno IUD di rame viene utilizzato per la contraccezione di emergenza, non è necessaria alcuna protezione contraccettiva aggiuntiva.

Dopo la somministrazione di ECP con levonorgestrel (LNG) o pillole contraccettive orali combinate (COC), le donne possono riprendere il loro metodo contraccettivo o iniziare immediatamente qualsiasi metodo contraccettivo, incluso uno IUD contenente rame.

Dopo l’uso di ECP con ulipristal acetato (UPA), le donne possono riprendere o iniziare qualsiasi metodo contenente progestinico (contraccezione ormonale combinata o contraccettivi solo progestinici) il 6 ° giorno dopo l’assunzione di UPA. Possono avere un LNG-IUD inserito immediatamente se è possibile determinare che non sono incinte. Possono inserire immediatamente lo IUD in rame.

Playlist dal Canale YouTube di Psicolinea.it

 

L’OMS raccomanda uno dei seguenti farmaci per la contraccezione d’emergenza:

  • ECP con UPA, assunto come dose singola di 30 mg;
  • ECP con LNG assunto come dose singola di 1,5 mg o, in alternativa, LNG assunto in 2 dosi da 0,75 mg ciascuna, a distanza di 12 ore.
  • COC, presi come dose frazionata, una dose di 100 μg di etinilestradiolo più 0,50 mg di LNG, seguita da una seconda dose di 100 μg di etinilestradiolo più 0,50 mg di LNG 12 ore dopo. (Metodo Yuzpe).

Efficacia

Una meta-analisi di due studi ha mostrato che le donne che usavano ECP con UPA avevano un tasso di gravidanza dell’1,2%. Gli studi hanno dimostrato che gli ECP con LNG avevano un tasso di gravidanza dall’1,2% al 2,1% (Glasier A, Cameron ST, Blithe D, Scherrer B, Mathe H, Levy D, et al. Contraccezione., 2011) (Festin MP, Peregoudov A, Seuc A, Kiarie J, Temmerman M., 2017) .

Idealmente, ECP con UPA, ECP con LNG o COC dovrebbero essere assunti il ​​prima possibile dopo un rapporto non protetto, entro 120 ore. Gli ECP con UPA sono più efficaci tra 72 e 120 ore dopo un rapporto non protetto rispetto ad altri ECP.

Sicurezza

Gli effetti collaterali dell’uso degli ECP sono simili a quelli delle pillole contraccettive orali, come nausea e vomito, sanguinamento vaginale lieve e irregolare e affaticamento. Gli effetti collaterali non sono comuni, sono lievi e normalmente si risolvono senza ulteriori farmaci.

In caso di vomito entro 2 ore dall’assunzione di una dose, la dose deve essere ripetuta. Gli ECP con GNL o con UPA sono preferibili ai COC perché causano meno nausea e vomito. L’uso di routine di antiemetici prima di assumere ECP non è raccomandato.

I farmaci usati per la contraccezione di emergenza non danneggiano la fertilità futura. Non vi è alcun ritardo nel ritorno alla fertilità dopo l’assunzione di ECP.

giuliana_proietti_psicologa

La Dr.ssa Giuliana Proietti presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia
come Direttrice Scientifica e Terapeuta Senior

Criteri di idoneità medica

Non ci sono restrizioni per l’idoneità medica di chi può utilizzare gli ECP.

Alcune donne, tuttavia, usano ripetutamente gli ECP per uno dei motivi sopra indicati o come principale metodo di contraccezione. In tali situazioni, è necessario fornire ulteriore consulenza su quali altre e più regolari opzioni contraccettive possono essere più appropriate ed efficaci.

L’uso frequente e ripetuto di ECP può essere dannoso per le donne con condizioni classificate come criteri di idoneità medica (MEC) di categoria 2, 3 o 4 per la contraccezione ormonale combinata o contraccettivi a base di solo progestinico (POC). L’uso frequente della contraccezione di emergenza può provocare un aumento degli effetti collaterali, come le irregolarità mestruali, sebbene il loro uso ripetuto non presenti rischi per la salute noti.

Le pillole contraccettive di emergenza sono risultate meno efficaci nelle donne obese (il cui indice di massa corporea è superiore a 30 kg / m2), ma non ci sono problemi di sicurezza. Alle donne obese non dovrebbe essere negato l’accesso alla contraccezione di emergenza quando ne hanno bisogno.

La consulenza per l’uso di pillole contraccettive di emergenza dovrebbe includere opzioni per l’uso di contraccettivi regolari e consigli su come utilizzare i metodi correttamente in caso di fallimento del metodo percepito.

Intervista su Relazioni Familiari


Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior

Dispositivi intrauterini contenenti rame

L’OMS raccomanda di inserire uno IUD contenente rame, se utilizzato come metodo contraccettivo di emergenza, entro 5 giorni dal rapporto non protetto. Questo metodo è particolarmente appropriato per le donne che desiderano iniziare a utilizzare un metodo contraccettivo altamente efficace, a lunga durata d’azione e reversibile.

Efficacia

Se inserito entro 120 ore dal rapporto non protetto, uno IUD contenente rame è efficace per oltre il 99% nel prevenire la gravidanza. Questa è la forma più efficace di contraccezione d’emergenza disponibile. Una volta inserito, le donne possono continuare a utilizzare lo IUD come metodo contraccettivo continuo o possono scegliere di passare a un altro metodo contraccettivo.

Sicurezza

Uno IUD contenente rame è una forma sicura di contraccezione d’emergenza. Si stima che ci possano essere meno di 2 casi di malattia infiammatoria pelvica (PID) ogni 1000 utenti (Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health / Center for Communication Programs e World Health Organization) . (FP Global Handbook). I rischi di espulsione o perforazione sono bassi.

Criteri di idoneità medica

I criteri di ammissibilità per l’uso generale di uno IUD in rame si applicano anche all’uso di uno IUD in rame per scopi di emergenza. Le donne con una condizione classificata come categoria MEC 3 o 4 (ad esempio, con PID corrente, sepsi puerperale, sanguinamento vaginale inspiegabile, cancro cervicale o trombocitopenia grave) per lo IUD di rame non dovrebbero usare uno IUD di rame per scopi di emergenza. Inoltre, uno IUD contenente rame non deve essere inserito per la contraccezione di emergenza a seguito di violenza sessuale poiché la donna potrebbe essere ad alto rischio di un’infezione a trasmissione sessuale come la clamidia e la gonorrea. Uno IUD contenente rame non deve essere utilizzato come contraccezione di emergenza quando una donna è già incinta.

I criteri di idoneità medica dell’OMS per l’uso di contraccettivi affermano che l’inserimento di IUD può aumentare ulteriormente il rischio di PID tra le donne a maggior rischio di infezioni a trasmissione sessuale (IST), sebbene prove limitate suggeriscano che questo rischio sia basso. Gli attuali algoritmi per determinare l’aumento del rischio di malattie sessualmente trasmissibili hanno uno scarso valore predittivo. Il rischio di IST varia in base al comportamento individuale e alla prevalenza locale di IST. Pertanto, mentre molte donne a maggior rischio di malattie sessualmente trasmissibili possono generalmente avere uno IUD inserito, alcune donne con una probabilità molto alta di malattie sessualmente trasmissibili non dovrebbero generalmente avere uno IUD inserito fino a quando non si verificano test e trattamenti appropriati.

Criteri di idoneità medica per l’uso di contraccettivi

Tutte le donne a rischio di una gravidanza involontaria hanno il diritto di accedere alla contraccezione di emergenza e questi metodi dovrebbero essere regolarmente inclusi in tutti i programmi nazionali di pianificazione familiare. Inoltre, la contraccezione d’emergenza dovrebbe essere integrata nei servizi sanitari per le popolazioni più a rischio di esposizione al sesso non protetto, comprese le cure post-aggressione sessuale e i servizi per le donne che vivono in contesti umanitari e di emergenza.

Garantire i diritti umani all’interno dei programmi contraccettivi: un’analisi dei diritti umani degli indicatori quantitativi esistenti
L’OMS ribadisce il suo impegno a rivedere costantemente le prove emergenti attraverso il suo sistema di identificazione continua delle prove di ricerca (CIRE) e anche aggiornando regolarmente la sua guida di conseguenza.

Dr. Walter La Gatta


Ipnosi clinica

Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia
come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior

Fonte: OMS
https://www.who.int/news-room/fact-sheets/detail/emergency-contraception

Immagine:

Pexels

La Terapia di Coppia?
Un regalo perfetto!

Buono Terapia

INIZIATE UNA TERAPIA DI COPPIA CON NOI


  • Lo psicologo Junior (Jr.) è psicoterapeuta sessuologo (in formazione), iscritto all'Albo degli Psicologi da meno di 4 anni.

  • Lo psicologo Senior (Sr.) è psicoterapeuta sessuologo completamente formato, con almeno 10 anni di esperienza clinica.

♥ Per Info e Appuntamenti:

informazioni@clinicadellacoppia.it

Per informazioni più veloci,
usare il pulsante Whatsapp, 
in basso a sinistra, nell'HomePage.

Di Dr. Walter La Gatta

PSICOLOGO-PSICOTERAPEUTA SESSUOLOGO di Ancona - Psicoterapie individuali e di coppia online - Sessuologia (Sessuologia Clinica, individuale e di coppia) - Tecniche di rilassamento e Ipnosi - Disturbi d’ansia, timidezza e fobie sociali Per appuntamenti: 348 – 331 4908 Sito personale: www.walterlagatta.it Altri Siti: www.psicolinea.it www.clinicadellatimidezza.it www.festivaldellacoppia.it ISCRIVITI ALLA PAGINA FACEBOOK! w.lagatta@psicolinea.it Tel. 348 3314908 Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *