La sessualità Kink, o Kinky

La sessualità Kink o Kinky

La sessualità Kink, o Kinky

Dr. Walter La Gatta

Non c’è dubbio che nei tempi in cui viviamo stiamo assistendo a un cambiamento epocale nel modo in cui viene rappresentata la sessualità. Sono caduti molti tabù ed è sorprendente l’aumento di interesse per la sessualità “atipica”, rappresentata da quelle che un tempo venivano chiamate “perversioni”, poi declassate a “parafilie”: un termine più neutro che non implicava una condanna morale.

A23

Gran parte di questo interesse è stato suscitato dalla pubblicazione e dal successivo successo cinematografico del romanzo “Cinquanta sfumature di grigio”, nel 2011. Il libro ha venduto, all’ultimo conteggio, oltre 125 milioni di copie, il film ha guadagnato quasi 600 milioni di dollari al botteghino, ed entrambi hanno innescato un aumento del 400% delle vendite di sex toys.

Leggi anche:  Lui fantastica lei con un altro - Consulenza online

Sulla scia di questo successo, i ricercatori stanno scoprendo che i desideri e i comportamenti sessuali “stravaganti” delle coppie sono più comuni di quanto si potesse pensare. Una ricerca pubblicata nel numero di luglio 2016 del Journal of Sex indica che quasi la metà degli adulti canadesi intervistati ha espresso interesse per almeno una categoria parafiliaca, avendo come riferimento le categorie diagnostiche del DSM-5, e circa un terzo aveva sperimentato una di queste pratiche almeno una volta (Joyal, C. & Carpenter, J., (2016) The prevalence of paraphilic interests and behaviors in the general population: a provincial survey. J. of Sex Research, July.).

LGBT friendly

 

Nel mondo psicologico, la pubblicazione del DSM-5 nel 2013 ha rappresentato un radicale allontanamento dal passato sul piano dei comportamenti sessuali. Per la prima volta, avere interessi parafiliaci non è stato più considerato patologico, ed avere comportamenti “atipici” nel campo della sessualità non è stato più equiparato all’avere un disturbo psicologico. Questi cambiamenti ai aggiungono a quello epocale della rimozione della diagnosi di omosessualità, a partire dal DSM del 1973.

La rimozione della diagnosi di omosessualità ha portato una maggiore accettazione sociale dei gay, permettendo un maggior numero di coming out, fino ad arrivare alla conquista di numerosi diritti, quali le unioni civili, ma vi sono stati dei cambiamenti anche nell’accettare una sessualità senza fini procreativi.

Il termine “Kink” deriva dall’idea di un “piegamento” (un arrotolamento, un nodo, un riccio e, per estensione, una stranezza, una eccentricità, una strana abitudine) nel proprio comportamento sessuale, che si contrappone al sesso tradizionale, che viene definito  “vaniglia” (come dire che è dolce, ma che in sostanza non sa di niente).

Kink (o Kinky) è dunque diventato un termine colloquiale per definire un comportamento sessuale non normativo, che si ispira ad alcune parafilie (lo stesso termine parafilia viene oggi sempre più spesso sostituito dalla parola “kink”, che non solo vede un comportamento sessuale atipico come non patologico, ma lo presenta nella sua forma positiva, giocosa e divertente). I due partner di una coppia che pratica kink vengono detti kinkster.

Esempi di sessualità kink sono il gioco con la cera (viene fatta gocciolare la cera di una candela accesa sul corpo del partner, ovviamente facendo attenzione a non creare ustioni); il l pony-play è un gioco sessuale in cui uno dei partecipanti assume il ruolo del cavallo (pony) e l’altro del padrone. La persona che fa la parte del pony può essere di sesso maschile o femminile: nel primo caso viene chiamato pony-boy, nel secondo pony-girl), lo spanking (sculacciata), noto anche come spankophilia: consiste nello sculacciare il partner allo scopo di provocare l’eccitazione sessuale di entrambi o di uno dei due; il BDSM, Dominazione/sottomissione, si basa principalmente sulla volontaria cessione di potere di una delle due parti, che da quel momento sarà sottomessa all’altra, che viene investita del ruolo di Dominante; l’umiliazione erotica consiste nell’uso consensuale, sia psicologico/verbale che fisico dell’umiliazione a scopo di eccitazione sessuale della persona che viene svilita o di quella umiliante, Sesso di gruppo, cioè attività sessuali in cui sono coinvolte più di due persone, ecc.

Dr. Walter La Gatta
psicoterapeuta, sessuologo

Terapie online
Tel. 348 3314908

COSTO DELLA TERAPIA
Online 60 euro

Dr. Walter La Gatta

Fiss CisFacebook   Twitter

Naturalmente quanto sopra è considerato sano, per quanto atipico, purché: i partners non si avvicinino all’esperienza BDSM con un sentimento di paura, vengano stabiliti chiaramente i confini oltre i quali non è possibile andare, vi siano accordi di sicurezza (parola di sicurezza che revoca immediatamente il consenso) e non vi siano evidenti squilibri di potere tra i partner, che persistono nella vita di tutti i giorni, e non solo durante l’esperienza erotica.

Dr. Walter La Gatta


Walter La Gatta

LGBT friendly

Seguici su FacebookStai cercando una Terapia di Coppia online?

LE NOSTRE OFFERTE

Psicologo Jr Clinica della CoppiaPsicologo Sr Clinica della Coppia

 

 

Immagine
Unsplash

Please follow and like us:
La sessualità Kink, o Kinky

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su