• 24 Maggio 2024 22:16

Clinica della Coppia

Che l'amore è tutto è tutto quello che sappiamo dell'amore. Emily Dickinson

E’ stata lasciata – Consulenza online

Eì stata lasciata

E’ stata lasciata – Consulenza online

Dr. Walter La Gatta Consulenza online

CONSULENZA ON LINE
A cura di:
Dr. Walter La Gatta
Psicoterapeuta Sessuologo
ONLINE, VIA SKYPE – WHATSAPP
Tel. 348 3314908

Salve, da circa 20 giorni il mio ragazzo mi ha lasciata.
Ci siamo conosciuti 7 anni fa durante il periodo dell’università, avevamo 21 io e 24 anni lui.
Si può dire che sia stato un colpo di fulmine, ci siamo piaciuti subito e abbiamo creato una forte intesa. Due anime completamente compatibili. Dopo circa un anno mi sono trasferita da lui per alcune esigenze economiche, ma con tanta voglia di stare insieme. Siamo stati insieme quasi 3 anni e posso dire che siano stati i più belli della mia vita, poi abbiamo lasciato la casa ed io sono tornata nel mio paese di origine in attesa della laurea.

Abbiamo continuato a distanza per quasi un anno e poi lui è tornato a casa sua (a circa un’ora di distanza). La storia è andata avanti per altri 2 anni, tra alti e bassi legati al fatto che non potevamo vivere la quotidianità, anche perché io ho iniziato a lavorare ed ero libera solo nel weekend. Quando potevo andavo da lui, a casa dei suoi, ma ci vedevamo comunque poco e anche volendo fare dei progetti non c’erano le basi economiche per poterlo fare.

L’anno scorso si è trasferito in un’altra regione per lavoro, chiedendomi di raggiungerlo, ma io ho avuto sempre un po’ di problemi con i cambiamenti radicali, non riuscivo a staccarmi dalla mia famiglia e dal mio paese di origine. Ho sempre rifiutato anche perché volevo cercare di fare esperienza al lavoro prima di lasciare tutto e trasferirmi in una nuova città.

Lui ha insistito tanto, ma ero sempre negativa al riguardo, al che ho pensato che dovevo lasciarlo per non farlo soffrire, seppur l’amore che provavo per lui fosse fortissimo. Tuttavia decidiamo di continuare con questa storia a distanza, a novembre ci vediamo e capisco quanto io voglia stare con lui, ma non riesco a prendere la decisione di trasferirmi. Dopo alcuni mesi decido di andare a trovarlo, a marzo, ma a causa del covid il mio volo viene cancellato e non posso raggiungerlo.

Lo sconforto è tanto, ma ci restava la speranza dell’estate. Durante questo difficile periodo io sento che lui è molto giù, quasi depresso, ma penso sia normale data la situazione e forse non gli ho dato il conforto che meritava. A metà maggio mi comunica il suo forte malessere, dice che non riesce ad andare avanti pensando che non avremo un futuro, che non può toccarmi, avermi lì con sé e che a continuare così non ce la faceva più. Gli ho chiesto se voleva lasciami e mi ha detto di no, io ci ho pensato tanto e alla fine avevo deciso che dovevo raggiungerlo perché aveva ragione sul fatto che la nostra relazione non fosse più sana in questo modo.

Successivamente inizia a dirmi che è confuso, non sa più cosa prova e odia il fatto che la nostra unica comunicazione avvenga tramite un telefono.
Un paio di volte mi ha fatto intendere che dovevamo lasciarci, ma poi sembrava ritrattare, e avevamo deciso che a giugno ci saremmo visti.
Due giorni prima che partisse si è sentito molto male, è finito al pronto soccorso, e da lì ha preso la decisione di lasciarmi perché diceva che doveva riprendere in mano la sua vita.

Alla fine l’ho convinto ad incontrarci, ma era freddo, e mi ha detto che ormai qualcosa si è rotto e non prova più quello che provo io, che abbiamo visioni del futuro diverse e che ormai non ha senso stare insieme e non sa perché mi ha detto tutte quelle cose sul volermi lì con lui, perché dice che già da due anni la nostra storia non andava e lui aveva solo chiuso gli occhi, e che se lo volevo dovevo pensarci prima.

Ho scoperto che a marzo voleva chiedermi di sposarlo e ora è cambiato tutto. Com’è possibile? Non penso si possa fingere fino a questo punto. Io so di aver sbagliato a lasciarlo solo, l’ho ferito, ma non l’ho fatto per mancanza d’amore, lui mi ha rinfacciato alcune cose che non gli piacciono di me, cose assolutamente risolvibili e per le quali sono propensa a cambiare (non l’ho mai fatto perché pensavo gli stessero bene) ma dice che è impossibile che io cambi.

Adesso non so che fare, lui è ripartito e gli ho scritto qualche volta ma con scarsi risultati. Sembra stia andando avanti con la sua vita, ma io voglio solo lui e sono disposta a tutto.
Come devo comportarmi? Grazie.


A16

Gentilissima,

Credo che il comportamento migliore sia assecondare la ritrovata autonomia di questo ragazzo e questa sua voglia di riprendere in mano la sua vita. Non c’è alcun motivo per cui persone giovani come voi debbano rimanere ancorate ad un sempre più lontano ricordo di felicità, alla nostalgia di un tempo che non può ritornare.

Durante questo periodo di agonia del rapporto sono emerse le vostre differenze caratteriali, i vostri distinti bisogni, i differenti progetti per il futuro e forse anche qualche egoismo di troppo: una storia d’amore è anzitutto basata sul rispetto e sulla dedizione verso l’altro/a. Se questo non c’è stato non c’è da colpevolizzarsi: basta semplicemente riconoscere che non si trattava (più) di vero amore.

Le auguro mille cose belle.

Dr. Walter La Gatta


Ipnosi clinica

Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia
come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior

 


TERAPIE SESSUALI - CLINICA DELLA COPPIA

Immagine
Pexels

Di Dr. Walter La Gatta

PSICOLOGO-PSICOTERAPEUTA SESSUOLOGO di Ancona - Psicoterapie individuali e di coppia online - Sessuologia (Sessuologia Clinica, individuale e di coppia) - Tecniche di rilassamento e Ipnosi - Disturbi d’ansia, timidezza e fobie sociali Per appuntamenti: 348 – 331 4908 Sito personale: www.walterlagatta.it Altri Siti: www.psicolinea.it www.clinicadellatimidezza.it www.festivaldellacoppia.it ISCRIVITI ALLA PAGINA FACEBOOK! w.lagatta@psicolinea.it Tel. 348 3314908 Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *