• 14 Giugno 2024 5:28

Clinica della Coppia

Che l'amore è tutto è tutto quello che sappiamo dell'amore. Emily Dickinson

Spera nel suo ritorno – Consulenza online

Spera che lui ritorni

Spera nel suo ritorno – Consulenza online

Dr. Giuliana Proietti Consulenza online

CONSULENZA ON LINE
A cura di:
Dr. Giuliana Proietti
Psicoterapeuta Sessuologa
Tel. 347 0375949
www.giulianaproietti.it

 

Salve, sono una ragazza di 28 anni. Circa 3 mesi fa è finita la mia prima storia durata quasi 3 anni. Il motivo principale che ha portato il mio ex ragazzo a prendere questa decisione è stata un’insoddisfazione nel rapporto sessuale che, a lungo andare, ha intaccato i suoi sentimenti. Ho sempre sottovalutato questo aspetto della relazione e mi sono resa conto di quanto invece sia importante solo quando la storia è finita.

Ho provato a riconquistarlo in tutti i modi, lui non mi ha mai cercata perché dice che “scomparire” è la maniera migliore per chiudere.

Qualche giorno fa gli ho chiesto di rivederci e mi ha detto che non ha intenzione di fare passi indietro perché, secondo lui, in una coppia non posso esserci quei problemi e ha detto che sia io che lui abbiamo bisogno di partner diversi.

Ancora non riesco a farmene una ragione e, anche se lui è stato abbastanza chiaro, in fondo al cuore ho ancora la speranza che torni. Ho paura che questa cosa stia diventando per me un’ossessione perché ho capito che non posso fare altro per tornare insieme (anche se è l’unica cosa che vorrei), ma non riesco a smettere di pensarci.
Grazie

A15

Gentilissima,

Questo non è il momento della nostalgia, ma della comprensione di ciò che è accaduto. Perché per lei la sessualità era un aspetto marginale della relazione? Perché ora ritiene di aver sbagliato tutto?

In fondo, se lei ha sottovalutato la vita sessuale, non credo l’abbia fatto semplicemente per essere oppositiva nei confronti dei desideri che le manifestava il suo ragazzo: evidentemente per lei il sesso era davvero poco importante (e questo, sicuramente, fa pensare a una sua qualche inibizione o a qualche trauma).

Ora dice di aver capito tutto, di essere cambiata, ma in realtà non è successo niente che la possa aver cambiata, se non il fatto che, evidentemente, piuttosto che perderlo, sarebbe ora disposta ad accettare anche cose che per lei non sono importanti, o sono addirittura disgustose, pur di averlo accanto a sé: non sarebbe una saggia decisione, perché la sessualità non si dovrebbe mai fare per dovere, o per evitare la minaccia della fine di una relazione.

Le suggerisco dunque, comunque vadano le cose con questo ragazzo, di concentrarsi ora su se stessa per provare a capirsi meglio, trovando l’origine delle sue inibizioni. E’ un problema di insicurezza personale? Un problema familiare? Un problema religioso?

Un/a sessuologo/a potrà sicuramente aiutarla a scrutare dentro se stessa per imparare a vivere la sessualità con maggiore piacere e interesse, con lui, o con chiunque altro gli succederà.

Cordiali saluti.

Dr. Giuliana Proietti

Terapie Online Giuliana Proietti


TERAPIE SESSUALI - CLINICA DELLA COPPIA


LGBT friendly

Immagine
UNsplash

Di Dr. Giuliana Proietti

Psicologa Psicoterapeuta Sessuologa di Ancona ● Attività libero professionale, prevalentemente online ● Saggista e Blogger ● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale ● Conduzione seminari di sviluppo personale ● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici ● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità. Sito personale: www.giulianaproietti.it La Dr.ssa Giuliana Proietti presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia come Direttrice Scientifica e Terapeuta Senior.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *