• 14 Giugno 2024 5:32

Clinica della Coppia

Che l'amore è tutto è tutto quello che sappiamo dell'amore. Emily Dickinson

Il Revenge Porn, o porno della vendetta

Il Revenge Porn

Il Revenge Porn, o porno della vendetta

Terapie Online Giuliana Proietti

Poiché i contenuti sulle piattaforme dei social media sono irrecuperabili e possono riaffiorare in qualsiasi momento (Hai-Jew, 2014 ), i bersagli della vendetta sui social media potrebbero non avere modi per difendersi.

Le persone, in genere, attribuiscono notevole importanza ai loro profili sui social media, curano attentamente ciò che condividono su se stessi e si preoccupano profondamente delle impressioni che gli altri si fanno di loro in base a ciò che postano sulla loro vita e le loro relazioni (Chou & Edge, 2012; Papp et al., 2012 ).

Come attestano esempi altamente pubblicizzati dalla cronaca, la vendetta sui social media può portare a cause legali (Gollom, 2012 ) a posti di lavoro persi ( Workapolis, 2017 ) o anche al suicidio ( Day, 2019 ). Anche quando non comporta conseguenze di questa portata, la vendetta sui social media può danneggiare pesantemente la reputazione sociale di una persona, sia per l’identità online, sia per quella nella vita reale ( Bates, 2017 ).

Il problema nasce anche dal fatto che il sexting (l’abitudine di scambiarsi immagini e video erotici) è ormai una pratica relativamente comune nei rapporti di coppia, specialmente fra i giovani e spesso sono le stesse persone che subiscono il revenge porn ad aver fornito direttamente ai “vendicatori” le immagini che diventano oggetto della diffusione sui social.

La terapia di coppia offre
un percorso verso il cambiamento,
immediato e duraturo.
La terapia di coppia offre un percorso verso il cambiamento - Clinica della Coppia

Per proteggersi, alcune persone fanno sexting utilizzando il sito di messaggistica Snapchat, dal momento che su questa piattaforma i messaggi vengono cancellati automaticamente dopo alcuni secondi, ma questo non rende ovviamente impossibile fare uno screenshot dell’immagine.

Il Revenge Porn è socialmente molto pericoloso e andrebbe distinto dal sexting: infatti, scambiarsi immagini osé non è reato, non implica deviazioni patologiche, ed è oggettivamente molto diffuso; pubblicare i video o le foto osé per screditare qualcuno, invece,  è tutta un’altra cosa. In Italia non abbiamo ancora una legislazione ad hoc, anche se ultimamente se ne è discusso moltissimo, anche a causa di gravi fatti di cronaca.

In conclusione, non resta che raccomandare estrema prudenza: pensate, prima di inviare una foto intima che vi riguarda.

Dr. Giuliana Proietti

Festival della Coppia - Relazione su Innamoramento




Immagine:
Pxhere

Di Dr. Giuliana Proietti

Psicologa Psicoterapeuta Sessuologa di Ancona ● Attività libero professionale, prevalentemente online ● Saggista e Blogger ● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale ● Conduzione seminari di sviluppo personale ● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici ● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità. Sito personale: www.giulianaproietti.it La Dr.ssa Giuliana Proietti presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia come Direttrice Scientifica e Terapeuta Senior.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *