• 14 Giugno 2024 6:58

Clinica della Coppia

Che l'amore è tutto è tutto quello che sappiamo dell'amore. Emily Dickinson

Sesso orale fra le giovanissime: nuovi trends

sesso orale

Una ricercatrice dell’Università di Alberta, Brea Malacad, ha condotto un approfondito studio sul sesso orale (pubblicato su European Journal of Contraception and Reproductive Health Care), scoprendo che, senza dubbio, si tratta di un’attività molto comune fra le giovani donne.

Il sesso orale, praticato dalle donne agli uomini, è diventato una parte fondamentale di ciò che la Malacad chiama la “rivoluzione sessuale del 21esimo secolo“.

La ricercatrice ha scoperto che tutte le ragazze sessualmente attive praticano il sesso orale, il che dimostra che questa attività sessuale sta diventando una parte integrante del repertorio sessuale fra le persone più giovani.

La ricerca è partita dalla notizia di un presunto caso di sesso di gruppo in cui le donne, tutte con rossetti di colore diverso, avevano eseguito del sesso orale a degli uomini.

Ci sono stati inoltre molti articoli dei media incentrati sul tema della ipersessualizzazione delle ragazze, per cui la Malacad ha deciso di intraprendere questo studio, per capire cosa le ragazze stiano realmente facendo e che cosa questo significhi per i ragazzi, i genitori e per l’educazione sessuale in generale.

Lo studio rivela che i comportamenti e gli atteggiamenti verso il sesso orale stanno cambiando.

Infatti, il 50 per cento delle intervistate ha considerato il sesso orale come una attività “meno intima di quanto sia il rapporto sessuale completo”; il 41 per cento lo ha indicato come “un atto intimo, allo stesso livello del rapporto completo” e il restante 9 per cento lo ha considerato come un rapporto “più intimo del rapporto completo”.

Il sesso orale dunque, secondo i dati di questa ricerca, è ormai largamente accettato, anche se, ci tiene a dire la ricercatrice, non è certo il nuovo “bacio della buonanotte” tra i giovani, come viene suggerito in alcuni articoli giornalistici.

“Sia i rapporti sessuali completi, sia il sesso orale vengono associati ad emozioni positive il che suggerisce che le donne più giovani si impegnino in queste attività perché fa piacere anche a loro“, ha detto la Malacad, la quale ha anche precisato che una buona percentuale di donne (poco più del 30 per cento) si sente “potente” quando esegue una fellatio.

Su un campione di 181 partecipanti allo studio, tutte di età compresa fra i 18 e i 25 anni, molte ragazze avevano avuto un solo partner sessuale ed il 25 per cento delle partecipanti non era impegnata in alcuna attività sessuale.

La Malacad, a commento dei dati della sua ricerca, afferma che i mezzi di comunicazione inviano messaggi troppo contrastanti sulla sessualità delle ragazze.

Da un lato, esse vengono aspramente criticate per la loro ipersessualizzazione, dall’altro vengono invece incoraggiate ad esprimere liberamente la propria sessualità.

In particolare la ricercatrice si riferisce al personaggio di Kim Catrall (Samantha) nella serie televisiva Sex and the City: una donna forte, indipendente,  sessualmente aggressiva, che viene proposta come modello alle donne che vogliono essere accettate sessualmente.

I cambiamenti relativi al sesso orale dovrebbero sensibilizzare gli educatori a fornire informazioni sulle malattie sessualmente trasmissibili, che possono facilmente essere trasmesse per via orale.

Infatti, l‘82% delle intervistate ha dichiarato di non usare alcuna protezione quando pratica sesso orale, rispetto al 7% che la usa durante il rapporto sessuale completo.

La Malacad è convinta che debbano essere i genitori ad insegnare l’educazione sessuale ai propri figli, anche se non tutti si sentono a loro agio con questi discorsi, oppure sono male informati sulla realtà attuale degli adolescenti e sui loro modi di fare sesso.

Conclusioni: l’educazione sessuale non dovrebbe essere impartita solo ai figli, ma anche ai loro genitori. In primis, inoltre, vanno formati gli insegnanti, i quali dovrebbero spingersi molto al di là delle semplici lezioni di anatomia sull’apparato genitale.

Dr. Giuliana Proietti

Fonte: Study shows behaviors and attitudes towards oral sex are changing, via Eurekalert

Immagine: Michael

Di Dr. Giuliana Proietti

Psicologa Psicoterapeuta Sessuologa di Ancona ● Attività libero professionale, prevalentemente online ● Saggista e Blogger ● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale ● Conduzione seminari di sviluppo personale ● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici ● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità. Sito personale: www.giulianaproietti.it La Dr.ssa Giuliana Proietti presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia come Direttrice Scientifica e Terapeuta Senior.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *