• 18 Aprile 2024 20:58

Clinica della Coppia

Che l'amore è tutto è tutto quello che sappiamo dell'amore. Emily Dickinson

Genitorialità e giovani coppie

Genitorialità e giovani coppie

Genitorialità e giovani coppie

Terapie Online Giuliana Proietti

I comportamenti delle persone si modellano in buona parte sugli esempi ricevuti nella famiglia d’origine: queste esperienze contano anche quando i figli diventano a loro volta genitori (O’Connor T, Scott S., 2007), tanto che Doherty e colleghi hanno proposto il modello dell’ecosistema per studiare la genitorialità responsabile: questo modello prende in considerazione lo stile relazionale utilizzato nel contesto della propria famiglia d’origine (ad esempio, rapporto con i genitori, rapporto dei genitori coi figli, problemi in famiglia, ecc.) e l’attuale rapporto del soggetto con il/la partner (Doherty WJ, Kouneski EF, Erickson MF, 1998)

La ricerca ha mostrato che le giovani coppie di genitori che hanno avuto esperienze positive durante l’infanzia e che mantengono relazioni stabili con i loro papà e mamme possono sentirsi più impegnati nel progetto genitoriale e avere più fiducia nella loro capacità di essere a loro volta buoni genitori (Cox MJ, Paley B. 2003).Allo stesso modo, il rapporto che i genitori avevano l’uno con l’altro può influenzare i figli, permettendo loro una capacità genitoriale efficace (Rueger SY, Katz RL, Risser HJ, Lovejoy MC. 2011), così come una perpetuazione degli aspetti negativi della genitorialità, che si trasmettono da genitore a figlio (Sipsma H, Biello KB, Cole-Lewis H, Kershaw T, 2010;Meade CS, Kershaw TS, Ickovics JR, 2008) 

A20

La letteratura esistente sulla genitorialità si è concentrata su piccoli campioni di soggetti bianchi, a medio reddito, coppie sposate, nonostante il fatto che gran parte delle problematiche familiari si riscontrino invece tra i giovani a basso reddito e fra le minoranze etniche (Bunting L, CM , 2004; Gavin LE, Black MM, Minor S, Abel Y, Papas MA, Bentley ME, 2002).Uomini e donne possono differire tra loro nel ruolo genitoriale, sia per il loro coinvolgimento, sia per le abilità specifiche.

Un recente studio (Kershaw T, Murphy A, Lewis J, et al, 2014) ha voluto valutare l’ associazione di fattori familiari e relazionali durante la gravidanza nelle giovani coppie (ad esempio, coinvolgimento, tempo, competenze, ecc.) e 6 mesi dopo il parto, valutando inoltre se maschi e femmine si differenziano sui fattori relazionali e familiari legati alla genitorialità.

La terapia di coppia offre
un percorso verso il cambiamento,
immediato e duraturo.
La terapia di coppia offre un percorso verso il cambiamento - Clinica della Coppia

Risultati:

Lo studio dimostra l’importanza della relazione con il/la partner e delle relazioni familiari pregresse nei contesti di genitorialità. Questi fattori sono stati giudicati molto influenti nella valutazione fatta nei giovani genitori a basso reddito, sei mesi dopo il parto (Biehle SN, Mickelson KD, 2011).

La storia familiare pregressa (coerentemente con la letteratura precedente che aveva studiato coppie della classe media e più anziane), ha mostrato di essere strettamente in relazione con lo stile genitoriale adottato dalle giovani coppie  (Carlson MJ, McLanahan SS., 2006; Simons RL, Johnson C, Beaman J, Conger RD, Whitbeck LB, 1996)

La più importante variabile legata alla storia della famiglia è stato il coinvolgimento della madre del giovane genitore durante la sua infanzia e questo vale sia per le femmine, sia per i maschi. Anche questo dato è coerente con diversi studi che avevano già dimostrato che il coinvolgimento della madre e le sue capacità affettive durante l’infanzia influenzano anche nei figli una genitorialità positiva (Bouchard G., 2012)

Essere stati picchiati da bambini è legato a comportamenti genitoriali meno positivi. Questi risultati dimostrano, se ce ne fosse stato bisogno, che l’impatto delle esperienze negative vissute nell’infanzia continua a persistere anche in età adulta (Gershoff ET., 2010), e sottolineano l’importanza di creare un ambiente genitoriale sereno, anche per le generazioni successive (Framo JL, 1992)

Sono state inoltre notate molte differenze tra maschi e femmine. Le madri mostravano risultati significativamente migliori nella capacità genitoriale rispetto ai padri, come già provato in altre ricerche precedenti (Rhoads SE., 2005, Biehle SN, Mickelson KD, 2011). Questo può essere in parte spiegato con le differenze nelle norme culturali che riguardano la genitorialità tra i due diversi generi sessuali: le donne infatti vengono considerate le più adatte a prendersi cura dei bambini e dunque sono meno influenzate, rispetto agli uomini, da altri fattori negativi, come una relazione di coppia non soddisfacente o una cattiva esperienza familiare nel periodo dell’infanzia.

 

Un’altra interessante differenza di genere è stata la scoperta dell’importanza del coinvolgimento paterno durante l’ infanzia delle neo-mamme, che invece non si è notato per quanto riguarda i neo-papà, anche se studi precedenti avevano mostrato quanto il ruolo paterno nell’infanzia fosse importante soprattutto per gli uomini che diventavano genitori.  (Beaton JM, Doherty WJ. , 2007).

Concludendo, i risultati di questo studio potrebbero essere utili per mettere a punto dei programmi ad hoc per giovani genitori, specialmente nelle fasce a più basso reddito, che li aiutino non solo nella cura del bambino, ma anche nel rafforzare la propria relazione di coppia e nel rielaborare le esperienze passate e i fattori di stress vissuti durante l’infanzia, per quanto riguarda il rapporto che avevano fra loro i propri genitori e i genitori con il figlio, evitando così la trasmissione automatica di modelli di relazione intergenerazionale disfunzionali.

Avere una relazione di coppia stabile è una garanzia per il benessere dei figli, in quanto porta ad una migliore  co-genitorialità e ad un maggiore impegno genitoriale. Le famiglie funzionano meglio quando i membri possono contare sul supporto reciproco in modo costante. Rafforzare le relazioni sentimentali dei giovani genitori costituisce dunque la migliore opportunità, sia per la relazione di coppia sia per la sana crescita del bambino.

Dr. Giuliana Proietti


Problemi di coppia? Chiamaci

Fonte:

Kershaw T, Murphy A, Lewis J, et al. Family and Relationship Influences on Parenting Behaviors of Young Parents. The Journal of adolescent health : official publication of the Society for Adolescent Medicine. 2014;54(2):197-203. doi:10.1016/j.jadohealth.2013.08.012.

Immagine:
Flickr

 

La Dr.ssa Giuliana Proietti presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia
come Direttrice Scientifica e Terapeuta Senior

Giuliana Proietti


LGBT friendly
La Dr.ssa Giuliana Proietti presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia
come Direttrice Scientifica e Terapeuta Senior

Di Dr. Giuliana Proietti

Psicologa Psicoterapeuta Sessuologa di Ancona ● Attività libero professionale, prevalentemente online ● Saggista e Blogger ● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale ● Conduzione seminari di sviluppo personale ● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici ● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità. Sito personale: www.giulianaproietti.it La Dr.ssa Giuliana Proietti presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia come Direttrice Scientifica e Terapeuta Senior.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *