• 23 Febbraio 2024 5:54

La terapia di coppia online: studio qualitativo

La terapia di coppia online

La terapia di coppia online: studio qualitativo

Dr. Walter La Gatta

Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior

Quella che segue è un’ampia sintesi di uno studio australiano, basato sulle risposte di tipo qualitativo che hanno dato 15 coppie, trenta soggetti, su una terapia di coppia online. I soggetti sono stati intervistati sia prima sia dopo la terapia e così è stato possibile individuare sia le aspettative iniziali, sia la qualità delle esperienze vissute.

Introduzione

L’aumento dei tassi di disagio relazionale in Australia ha portato a una maggiore domanda di terapia di coppia; tuttavia, a causa della scarsità di servizi disponibili, questa domanda non viene affrontata in modo coerente
(  ;  ;  ).

Mentre le terapie psicologiche sono state storicamente condotte faccia a faccia, la crescente domanda di servizi di salute mentale accessibili, unita allo sviluppo avanzato della tecnologia moderna, ha reso le terapie online un metodo di fornitura di servizi sempre più praticabile ;  ; ).

I vantaggi dei servizi sanitari forniti utilizzando la tecnologia sono molti, fra cui costi inferiori, stigma ridotto e maggiore accesso (  ). Questa tecnologia è particolarmente preziosa in Australia, dove molte persone vivono in aree rurali e remote con scarso accesso ai servizi (  ;  ;  ).

Tra le molte terapie online disponibili, la videoconferenza è la più simile all’interazione nel mondo reale, in quanto consente di trasmettere segnali sia verbali che visivi in ​​tempo reale (  ;  ).

A24/A3

Gli studi sull’efficacia della videoconferenza hanno costantemente riflesso esiti favorevoli nelle aree di: soddisfazione del cliente, efficacia rispetto alla terapia faccia a faccia, misure cliniche e alleanza terapeutica ;  ;  ;  ). Tuttavia, nonostante le prove di efficacia e una maggiore consapevolezza di questo mezzo, pochi studi hanno esaminato l’applicabilità della videoconferenza alla terapia di coppia e la letteratura in questo settore è ampiamente quantitativa o teorica (  ;  ; ).

Per questo motivo resta essenziale esplorare le esperienze vissute di coloro che hanno ricevuto la terapia di coppia attraverso la videoconferenza ). La comprensione delle esperienze dei pazienti può informare il processo terapeutico e fornire una prospettiva unica sui suoi risultati.

La terapia di coppia offre
un percorso verso il cambiamento,
immediato e duraturo.
La terapia di coppia offre un percorso verso il cambiamento - Clinica della Coppia

Aspettative

Un’area ben studiata nella terapia faccia a faccia sono le aspettative del paziente, e inoltre la relazione tra queste aspettative, gli atteggiamenti verso la consulenza e la volontà dei pazienti di impegnarsi a continuare l’intervento terapeutico (  ;  ;  ).

Gli studi che hanno esaminato le aspettative dei pazienti le hanno collegate agli atteggiamenti, alla volontà di impegnarsi a utilizzare servizi terapeutici e ai risultati dell’intervento (  ;  ;  ).

Sebbene la videoconferenza condivide molte delle caratteristiche della terapia faccia a faccia, la distanza tra il terapeuta e il paziente può influenzare la motivazione o la volontà del paziente di impegnarsi ( ). Educare i pazienti ai mezzi tecnologici e all’intervento psicologico in generale è stato fondamentale per creare aspettative più realistiche ( ).

Esperienza e alleanza terapeutica

Lo studio delle esperienze del paziente è essenziale per comprendere le implicazioni sui processi terapeutici e sui risultati successivi ( ). In studi precedenti, i pazienti hanno descritto le loro esperienze di videoconferenza come più confortevoli rispetto alla tradizionale consulenza faccia a faccia (  ).

Ciò può essere dovuto alla mancanza di presenza fisica del terapeuta, che consente ai pazienti di sentirsi meno intimiditi e a disagio durante l’esperienza ( ). Alcuni pazienti hanno anche riportato un’esperienza emotiva più profonda di quanto inizialmente previsto, consentendo loro di sentirsi immersi nel processo di consulenza. Nel frattempo altri pazienti hanno segnalato un aumento del senso di empowerment e controllo derivante dalla condivisione di uno spazio comune che non appartiene né al cliente, né al terapeuta ( ). I pazienti hanno anche identificato il vantaggio di poter intraprendere la terapia dalla propria casa (  ).


TERAPIE SESSUALI - CLINICA DELLA COPPIA

Tuttavia, le risposte alla terapia online non sono state costantemente positive. Mentre alcuni pazienti sentivano di poter avere una relazione significativa con il loro terapeuta, altri hanno indicato un’assenza di vicinanza che ha avuto un impatto sulla loro esperienza (  ).

hanno anche identificato alcuni pazienti che pensavano che la terapia online potesse essere utile, ma non per loro personalmente.

L’alleanza terapeutica è una parte essenziale della terapia psicologica, avendo una forte influenza sui risultati (  ). Una delle domande che è stata sollevata nella ricerca sulla videoconferenza è se l’alleanza terapeutica può essere stabilita con i mezzi online nella stessa misura della terapia faccia a faccia.

La ricerca ha scoperto che i pazienti hanno ritenuto possibile sviluppare un rapporto di lavoro positivo e di buona qualità con il loro terapeuta attraverso la tecnologia ( ). Una revisione ha indicato che ci sono prove coerenti del fatto che l’alleanza terapeutica viene sviluppata con successo attraverso diversi mezzi online, sebbene l’effetto di questa alleanza sui risultati sia poi inconcludente ( ).

Alcuni studi non hanno riscontrato differenze nei risultati tra gli interventi online e quelli faccia a faccia ;  ;  ). Tuttavia, altri studi hanno trovato risultati migliori con la terapia faccia a faccia ). In uno studio recente, i risultati meta-analitici hanno indicato che l’alleanza formata attraverso la videoconferenza era inferiore a quella della terapia faccia a faccia; nonostante ciò, i risultati non sono stati inferiori ).

Love is Love:
Clinica della Coppia is LGBT FriendlyLove is Love

Terapia di Coppia

La terapia di coppia è unica, in quanto richiede al terapeuta di lavorare e costruire insieme un’alleanza terapeutica con entrambi i membri della coppia. Inoltre, la ricerca sulla terapia di coppia ha scoperto che quando entrambi i membri della coppia percepiscono l’alleanza come forte, i risultati della terapia sono sempre maggiormente positivi ( ).

Nella terapia faccia a faccia i limiti possono riguardare la distanza geografica e gli orari (  ;  ), nonché lo stigma associato all’accesso alla terapia di coppia, in particolare nelle aree rurali e scarsamente popolate, dove la comunità generale può venire a conoscenza dell’ingresso di una coppia in terapia ( ). Molte di queste difficoltà possono essere superate attraverso la videoconferenza, consentendo alle coppie di evitare le barriere geografiche e di accedere in modo più discreto e riservato agli interventi psicologici (  ).

Tuttavia, nonostante questa crescente esigenza, esistono pochi interventi online per le coppie, e quest’area rimane ancora poco studiata, con una scarsità di studi che esplorano qualitativamente l’esperienza delle coppie che hanno frequentato un percorso di terapia di coppia online, in particolare tramite videoconferenza (  ; ).

Ciò presenta una significativa lacuna nella letteratura, che esprime un forte bisogno di ricerca che esplori direttamente la relazione diadica unica vissuta da una coppia quando si lavora con un terapeuta attraverso la videoconferenza. La presente ricerca è la prima in Australia ad utilizzare metodi qualitativi per concentrarsi sulle esperienze di coppie che utilizzano la videoconferenza per impegnarsi in un intervento relazionale. Quest’area di ricerca è particolarmente rilevante in Australia, dati gli alti tassi di disagio relazionale e le sfide geografiche che possono impedire alle coppie di accedere alla terapia faccia a faccia.

Per questi motivi, l’attuale studio ha utilizzato l’indagine qualitativa per indagare le aspettative e l’esperienza delle coppie impegnate nel programma Couple CARE, un intervento relazionale che ha mostrato efficacia quando è stato proposto nella versione faccia a faccia, ma anche tramite videoconferenza (  ;  ). Questa metodologia consentirà ai ricercatori di valutare il programma su una serie di livelli e di ottenere suggerimenti su come migliorare il processo.

Questo studio mirava a utilizzare la metodologia qualitativa per indagare e comprendere le esperienze dei partecipanti  la terapia di coppia – il programma Couple CARE – attraverso la videoconferenza (  ).

Le domande di ricerca esplorate in questo studio sono state:

  • 1. Quali sono le impressioni e le aspettative iniziali delle coppie sull’impegno nella terapia di coppia condotta tramite videoconferenza?

  • 2. Quali sono state le esperienze di coppia nell’intraprendere la terapia di coppia condotta tramite videoconferenza?


Festival della Coppia

Metodi

Progetto di ricerca

La presente ricerca faceva parte di uno studio più ampio che ha implementato vari metodi misti, includendo componenti sia quantitative che qualitative (  ). La componente quantitativa sarà discussa in un articolo separato (  ). L’attuale studio qualitativo ha adottato un approccio fenomenologico, utilizzando i dati di interviste semi-strutturate che sono state condotte all’inizio e alla fine del processo terapeutico. In questo modo sono state esplorate le aspettative dei partecipanti e le esperienze vissute della terapia di coppia tramite videoconferenza.

Partecipanti

Sono state reclutate 33 coppie attraverso la Curtin University, la comunità più ampia e i servizi sanitari locali. Tre coppie si sono ritirate durante lo studio, lasciando un totale di 30 coppie nello studio più ampio. Quindici di queste coppie hanno ricevuto il programma Couple CARE in una condizione faccia a faccia e quindi non sono state incluse nell’analisi tematica per il presente studio. Pertanto, il presente studio ha incluso i dati di 15 coppie, o 30 individui, che hanno ricevuto il programma Couple CARE tramite videoconferenza.

I criteri di inclusione erano soddisfatti se entrambi i membri della coppia avevano più di 18 anni, erano in una relazione di fatto o coniugale definita e stavano vivendo un lieve disagio relazionale valutato attraverso l’intervista e la scala di aggiustamento diadico. Le coppie sono state escluse dal presente studio se mostravano un rischio di ideazione suicidaria, stavano partecipando a un intervento di terapia di coppia in corso, avevano una diagnosi DSM-IV di psicosi o schizofrenia, grave dipendenza da alcol / sostanze, trattamento psicologico concomitante o relazione clinicamente significativa angoscia. Questi criteri sono stati valutati attraverso un colloquio telefonico iniziale e attraverso misure inviate come parte dello screening iniziale per la partecipazione.

Lo studio mirava a reclutare abbastanza partecipanti per raggiungere la saturazione dei dati, il punto in cui ogni ulteriore informazione non aggiungerà nulla di nuovo alle informazioni già raccolte (  ). Sulla base di ricerche precedenti, che suggeriscono la necessità di testare tra le 4 e le 14 coppie per raggiungere la saturazione, con una media di nove, l’attuale studio ha reclutato 15 coppie nella condizione di videoconferenza ( ).

I partecipanti avevano un’età compresa tra 21 e 69 anni, con una media di 42 anni. La durata dei rapporti di coppia è compresa tra uno e 49 anni, con una media complessiva di 10 anni. Dei partecipanti, il 96,7% aveva completato la scuola superiore e il 50% aveva completato l’università. L’ottanta per cento era attualmente impiegato e il 70 per cento identificato come australiano.

 

Materiali

I programmi delle interviste sono stati utilizzati per guidare le interviste semi-strutturate condotte durante la prima e l’ultima sessione del programma. Le domande erano basate su quelle usate in studi precedenti simili (  ;  ). Il programma dei colloqui pre-terapia conteneva cinque domande, oltre a suggerimenti, che sono stati utilizzati dal terapeuta. Il programma post-terapia conteneva 11 domande con suggerimenti, che sono stati utilizzati da un intervistatore esterno. Il contenuto del programma dei colloqui pre-terapia e post-terapia è visualizzato di seguito (vedere Tabella 1). La nona domanda del programma post-terapia non era necessaria in questo studio, poiché tutte le coppie erano nella stessa stanza.

TABELLA 1

Programma pre-terapia Programma post-terapia
1. Quali sono le sue prime impressioni? 1. Le sue aspettative sono cambiate dall’inizio di questa terapia?
2. Cosa si aspetta dalla terapia in generale? 2. Può descrivermi la sua esperienza nell’uso della videoconferenza per la terapia di coppia?
3. Pensa che l’utilizzo della videoconferenza influirà in qualche modo su questo aspetto? 3. Quando riflette sulla sua esperienza, cosa emerge come significativo?
4. Crede che la videocamera abbia influenzato l’interazione tra lei e il terapeuta?
4. Si aspetta delle difficoltà? 5. Riesce a pensare a un esempio in cui è stato facile per lei raccontare qualcosa al terapeuta?
5. Ci sono degli elementi positivi che aspetta con impazienza? 6. Le viene in mente un esempio in cui è stato difficile dire qualcosa al terapeuta?
7. C’è stata una volta in cui desiderava essere nella stessa stanza del terapeuta?
8. Crede che la videocamera abbia influenzato l’interazione tra lei e il suo partner?
9. C’è stato un momento in cui desiderava essere nella stessa stanza del  partner? (se applicabile)
10. Può descrivere il suo rapporto con il terapeuta?
11. C’è qualcos’altro che vorrebbe raccontare sulla sua esperienza di terapia di coppia tramite videoconferenza?

Il programma è stato consegnato alle coppie nel gruppo di videoconferenza utilizzando il programma iChat su computer Apple Mac. Questo programma ha consentito al terapeuta e alla coppia di vedersi e ascoltarsi in tempo reale e al terapeuta di registrare tutte le sessioni, comprese le componenti dell’intervista.

Un computer era situato nell’ufficio del terapeuta, mentre un altro era in una stanza separata per l’uso da parte delle coppie. Il terapeuta ha organizzato la connessione prima dell’inizio di ogni sessione, che iniziava quando la coppia entrava nella stanza. Mentre il terapeuta era in grado di vedere sia la coppia che se stesso, la coppia poteva vedere solo il terapeuta. Questo è stato fatto per prevenire la distrazione dei partecipanti (  ). Il software NVivo9 è stato utilizzato su un computer per assistere con l’analisi tematica.

Procedura

L’approvazione etica per il presente studio è stata concessa dal Curtin Research Ethics Committee (HREC No. # HR157 / 2011). Dopo lo screening, le coppie che soddisfacevano i criteri di inclusione hanno fornito il consenso informato scritto e sono state randomizzate per ricevere il programma faccia a faccia o tramite videoconferenza. Le coppie hanno partecipato alla loro prima sessione del programma Couple CARE presso la clinica di psicologia della Curtin University, faccia a faccia o tramite iChat. Durante la prima sessione, il terapeuta ha spiegato ai partecipanti lo studio e ogni informazione necessaria. Il terapeuta e le coppie hanno anche discusso i loro obiettivi e requisiti per prendere parte al programma. Il terapeuta ha quindi condotto le interviste semi-strutturate con i partecipanti.

Le interviste semistrutturate pre-terapia sono state condotte alla fine della prima sessione, con entrambi i membri della coppia che hanno partecipato insieme all’intervista. Il terapeuta ha posto a ciascuna coppia cinque domande aperte come delineato nel programma del colloquio pre-terapia. Le coppie in entrambe le condizioni hanno partecipato alle interviste per evitare la confusione di tempi disuguali trascorsi con il terapeuta; le domande sono state modificate per le coppie in condizione faccia a faccia. Ciascuna di queste interviste è durata circa 15 minuti. Le interviste sono state registrate e trascritte per l’analisi.

Durante la sesta e ultima sessione, le coppie sono state invitate a partecipare ad un colloquio semi-strutturato, dove hanno avuto modo di raccontare la loro esperienza di ricevere la terapia di coppia tramite videoconferenza. Le interviste sono state condotte da intervistatori esterni che stavano intraprendendo studi post-laurea in psicologia. Le interviste sono state condotte utilizzando il programma fornito (vedere Tabella 1). Gli intervistatori esterni sono stati utilizzati per consentire ai partecipanti di parlare liberamente della loro esperienza personale con il terapeuta, senza complicare il ruolo del terapeuta. Dopo il colloquio post terapia, la fase qualitativa della raccolta dei dati è stata completata.


CLINICA DELLA COPPIA
è su Instagram



Intervento

Couple CARE è un intervento di 6 settimane per le coppie che copre aree comuni del funzionamento della relazione tra cui il cambiamento di sé, la comunicazione, l’intimità e la cura, la gestione delle differenze, la sessualità e l’adattamento al cambiamento (  ). Ciascuno di questi argomenti viene esplorato in una settimana separata. La durata di ogni sessione variava da 50 a 60 minuti. Lo scopo dell’intervento è rafforzare le relazioni, aumentare la soddisfazione e il funzionamento e ridurre l’angoscia. Il programma è educativo e basato sulle competenze. Parte dell’intervento coinvolge il terapeuta che osserva e discute le interazioni tra i membri della coppia. L’intervento mira a coinvolgere entrambi i membri della diade per identificare le aree di cambiamento del comportamento e per assisterli nel cambiare questi comportamenti.

Le sessioni si svolgono settimanalmente per 6 settimane e alle coppie vengono assegnati compiti da completare tra le sessioni. Queste attività includono la visione di un breve video insieme ogni settimana seguito da una serie di attività settimanali da completare individualmente e insieme tra le sessioni. Questi compiti vengono poi discussi e valutati ogni settimana con uno psicologo o un consulente ( ).

In genere, questo implica che il terapeuta lavori insieme alla coppia per elaborare un piano di cambiamento di sé, che include compiti per migliorare una diversa area di relazione che funziona ogni settimana. Il terapeuta poi aiuta la coppia ad attuare il suo piano e discutere eventuali difficoltà che possono sorgere durante il completamento dei loro compiti. In questo studio, il terapeuta ha seguito il programma e ha anche dato ai clienti più tempo per discutere qualsiasi altra cosa di cui avevano bisogno per parlare quella settimana. Ha seguito una serie di obiettivi per ogni sessione per massimizzare la fedeltà, ad esempio, questi sono stati gli obiettivi della sessione iniziale: introduzione al programma, Riservatezza, feedback sui questionari, obiettivi del programma, aspettative, ecc.

Analisi

Il contenuto dell’intervista è stato trascritto e analizzato per esplorare le esperienze vissute delle coppie che hanno utilizzato la tecnologia della videoconferenza. L’utilizzo di una forma empirica di fenomenologia ha consentito di esplorare in profondità le esperienze soggettive delle coppie in modo unico e personale (  ).

L’analisi tematica è stata utilizzata per analizzare i dati, seguendo le linee guida suggerite da  . Questo è stato fatto per mantenere rigore e validità durante tutto il processo. Dopo aver acquisito familiarità con i dati, è stato generato un elenco iniziale di codici e nei dati è stata eseguita la ricerca dei temi. Come parte di questo processo, le interviste trascritte sono state inserite nel programma per computer NVivo9 per chiarire i raggruppamenti tematici e creare una mappa tematica. Successivamente, i temi individuati sono stati rivisti, denominati e definiti. Un valutatore esterno ha quindi rianalizzato i dati per confermare i temi individuati per garantire un’analisi rigorosa. Sulla base di ciò, è stata calcolata l’affidabilità inter-rater. La fase finale ha comportato la redazione e la comunicazione dei risultati.

 

Terapie online. Dr. Walter La Gatta

Facebook   Twitter

Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia
come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior

 

Risultati e Discussione

L’analisi tematica delle trascrizioni dell’intervista pre-terapia ha generato cinque temi principali che riflettevano le aspettative delle coppie e le impressioni iniziali di ricevere la terapia attraverso la videoconferenza (vedere Tabella 3). I temi post-terapia riflettevano le esperienze vissute dalle coppie nell’ impegnarsi nella terapia di coppia e le loro percezioni dell’alleanza terapeutica.

Tabella 3

Temi pre-terapia.

Tema Citazione di esempio
Nuova esperienza Ne sono felice, è davvero tutto chiaro, come se fossi sorpreso di quanto sia chiaro ascoltarsi e vedersi, e di quanto sia andata bene.
Confronto Quando abbiamo fatto la consulenza la prima volta mi ricordo che ero piuttosto emotivo, puoi vedere e sentire l’atmosfera nella stanza, così lo è di meno, il che potrebbe mantenere più equilibrio, con una discussione più controllata.
Aspetti pratici Finché l’audio è buono e il video è buono, non ci sono intoppi. Come se la tecnologia avesse una grande tendenza a deluderti, l’ultima cosa che vorrei fare è aprire il mio cuore e poi avere quello schiocco nel mezzo e dovermi fermare e farlo di nuovo, sarebbe terribile.
Connessione e dinamica Probabilmente un’esperienza scoraggiante, parlare a uno schermo piuttosto che a una persona. Non che mi dispiaccia, è solo che ti senti abbastanza vicino, ma non troppo vicino.
Distanza e spazio Sembra solo un po’ estraneo e distaccato, e non vorrei essere frainteso, non sto dicendo che non è prezioso, è molto prezioso, potrebbe esserlo molto di più.

Nuova esperienza

Le coppie hanno riflettuto che la videoconferenza era una nuova esperienza per loro. Ci sono state risposte diverse derivanti da questo, con diversi pazienti che hanno notato che non avevano aspettative quando sono entrati in terapia e alcuni erano scettici su quanto sarebbe stata efficace.

Alcune coppie hanno riferito che questa nuova esperienza era strana, altre trovavano la nuova esperienza accettabile e confortevole.

Le aspettative delle coppie all’inizio dell’esperienza terapeutica possono influenzare la loro disponibilità a impegnarsi nella terapia, soprattutto se si tratta di una nuova esperienza per loro (  ). Poiché la terapia online è relativamente nuova, è particolarmente importante esaminare le aspettative del paziente, soprattutto perché potrebbero non essere accurate ( ). Avere un’idea delle aspettative comuni può fungere da guida per i contenuti da includere nell’educazione sulla terapia online, in modo che i pazienti siano meglio preparati a impegnarsi.

Confronto

Le coppie tendevano a confrontare la loro esperienza con le precedenti interazioni faccia a faccia. La ricerca indica che i pazienti che si sono impegnati in una terapia faccia a faccia in precedenza, probabilmente avevano delle aspettative sulla terapia online a causa della precedente esperienza ( ). Alcune coppie che avevano espresso la loro preferenza per la videoconferenza hanno riflettuto sul fatto che la ridotta emotività come risultato del mezzo tecnologico si traduce in risultati migliori grazie a una maggiore attenzione ai contenuti.

La scoperta che alcune coppie vedevano la riduzione dell’emotività come migliore è stata interessante, poiché alcuni esperti considererebbero questo come una mancanza di rapporto e alleanza, con conseguente minore progresso (  ). Tuttavia, alcune coppie in questo studio hanno indicato che questo le aiutava ad essere più aperte nelle loro rivelazioni e più impegnate nella terapia. Questa è una scoperta ricorrente in tutti gli studi, con i pazienti che commentano di sentirsi  più autorizzati a parlare delle emozioni sul video, al contrario del faccia a faccia (  ;  ;  ). Ciò può essere dovuto al fatto che i pazienti si sentono meno esaminati o imbarazzati quando si impegnano in mezzi online (  ; ).

Al contrario, altre coppie consideravano la videoconferenza diversa dalla terapia faccia a faccia e in alcuni casi l’hanno trovata inferiore, altre non si aspettavano che la tecnologia avesse alcun effetto sulla terapia, sulla fornitura di contenuti o sulla relazione con il terapeuta:

“Non penso che il vederci attraverso lo schermo o seduti faccia a faccia, farà alcuna differenza nel modo in cui ci relazioniamo con lei e su quanto seriamente lo prendiamo, non credo che avrà importanza.” 

Aspetti pratici

Questo tema rifletteva le aspettative delle coppie sugli aspetti pratici della videoconferenza. Diverse coppie hanno riflettuto sul luogo in cui si è svolta effettivamente la terapia. Le coppie hanno commentato la natura della clinica, ma hanno anche detto che non si aspettavano che influenzasse l’esperienza terapeutica:

“Ma la stanza non è favorevole in termini di mobili … è sterile … non ci influenzerà, non influenzerà noi e il modo in cui ci sviluppiamo attraverso il processo.” 

Come ulteriore riflessione sul luogo, le coppie hanno suggerito la possibilità di intraprendere la terapia dalla propria casa. Alcune coppie si aspettavano che si sarebbero sentite più a loro agio se avessero potuto impegnarsi nel processo dalla propria casa, come illustrato dalla citazione:

“Se è da casa tua, penso che ci sia un enorme vantaggio nel fatto che tu sia nella tua zona di comfort, e questo potrebbe effettivamente alleviare l’altra cosa di cui ho parlato, l’apertura, perché mi sento come se fossi nel mio ambiente, più rilassato, più a mio agio nell’essere il più aperto possibile. “

Le coppie hanno commentato la fisicità del terapeuta e il modo in cui questa è stata rappresentata attraverso lo schermo. C’era una serie di opinioni su questo argomento, con alcuni clienti che si sentivano più rilassati con il terapeuta sullo schermo:

“So che mi sento un po’ più rilassato in termini di linguaggio del corpo, che se ci fosse un’altra persona nella stanza.”

I pazienti hanno anche discusso di potenziali difficoltà, come il fallimento della tecnologia o le persone che non sono in grado di usarla. Le coppie in questo studio si aspettavano che fossero necessari supporti di alta qualità per un’esperienza terapeutica di successo. La letteratura sulla terapia online ha anche sottolineato l’importanza di standard tecnologici  (  ).

I dati visivi sono di particolare importanza, poiché influenzano la fisicità del terapeuta, che a sua volta contribuisce all’esperienza dei pazienti (  ). Alcune caratteristiche, come l’alta qualità dell’immagine e del suono, possono migliorare la presenza percepita del terapeuta nella stanza ).

 

Connessione e dinamica

Questo tema ha esplorato le aspettative delle coppie sulla loro capacità di sentirsi  connesse al terapeuta, così come la dinamica interpersonale risultante da questa connessione. Alcune coppie hanno sentito che la connessione si è sviluppata più velocemente online, di quanto sarebbe stato in un contesto faccia a faccia. Tuttavia, in altri casi ci si è chiesti se il terapeuta sarebbe stato veramente empatico dall’altra parte dello schermo. Questa è una preoccupazione valida; tuttavia, la ricerca ha scoperto che è possibile che le emozioni vengano trasmesse con successo attraverso un mezzo tecnologico ).

Le coppie hanno parlato anche delle dinamiche che si sono create tra le tre persone coinvolte, sottolineando che la videoconferenza ha creato uno spazio più confortevole e meno imbarazzante. La maggior parte dei pazienti aveva aspettative positive sulla loro connessione con il terapeuta e ha scoperto che le dinamiche di una connessione online creavano uno spazio meno minaccioso.

È da notare che i pazienti si sono detti più a loro agio a connettersi attraverso uno schermo che di persona, poiché avevano il proprio spazio personale. Questo è stato un tema ricorrente nelle ricerche precedenti (  ;  ). Ciò indica che il mezzo tecnologico potrebbe essere un’alternativa per le coppie che non si sentono a proprio agio nel vedere un terapeuta faccia a faccia, per una serie di ragioni, come l’ansia o la paura di una valutazione negativa ;  ).

Sono state sollevate preoccupazioni circa la possibilità che una situazione instabile diventi pericolosa, senza la presenza fisica del terapeuta:

“Potrebbe essere difficile se ci fosse una relazione violenta, immagino, due persone in una stanza chiusa con un terapeuta che non è in grado di intervenire in quel caso.”

Sebbene le coppie nello studio non avessero personalmente problemi di sicurezza, questa potrebbe essere una paura molto giustificata per altre coppie, che potrebbe portare ad aspettative negative sulla terapia di coppia online. Ciò evidenzia l’importanza di disporre di procedure di sicurezza in atto, di cui le coppie vengono informate prima di iniziare la terapia (  ). I terapeuti devono seguire le migliori pratiche per assisterli nell’implementazione di queste salvaguardie (  ).

PRIMA VOLTA SU CLINICA DELLA COPPIA?

Scopri chi siamo e di cosa ci occupiamo!

Distanza e spazio

Questo tema ha esplorato il concetto di distanza percepita che è stata creata come risultato della condivisione di uno spazio su un mezzo tecnologico. Alcuni pazienti hanno notato che la distanza li faceva sentire distaccati, mentre altri hanno scoperto che la distanza permetteva loro di sentirsi più aperti e a proprio agio.

Questo maggiore comfort dall’essere in uno spazio fisico diverso dal terapeuta può essere collegato a un fenomeno noto come effetto di disinibizione online. L’effetto di disinibizione online si riferisce al fenomeno in cui gli individui rivelano informazioni in misura maggiore online, rispetto al faccia a faccia (  ). È stato suggerito che la rivelazione di sé nella terapia online è più coerente che nelle sessioni faccia a faccia, poiché le persone si sentono più libere di esprimersi in questo contesto ;  ).

I temi generali emersi dalle interviste post-terapia erano: tecnicismi, idea di ‘distanza’, soddisfazione e comfort, riservatezza, confronti, nuova esperienza, cambiamento delle aspettative e alleanza di lavoro (vedi Tabella 4).

TABELLA 4

Temi post terapia.

Tema Citazione di esempio
Aspetti tecnici Penso che se a volte … quando si interrompe un po ‘, a volte questo può farti, improvvisamente ti piace, ti fa sentire come … c’è come quella distanza tra voi.
L’idea di “distanza” Penso che in realtà lo schermo video sia buono perché ci tieni, ci tieni a quello che dirai e … (omissis) forse c’è un alto livello di responsabilità … mi sembrava di aver pensato attentamente a quello che stavo facendo.
Soddisfazione e comfort Penso che sia molto più facile … Penso che sia molto più comodo di quello che ci aspettavamo, perché è abbastanza intimidatorio pensare che verrai qui e parlerai con qualcuno, qualcuno che non conosci, è piuttosto snervante .
Riservatezza Quale potrebbe essere un vero problema … non sapere in quali mani potrebbe finire, perché sì, sarebbe una preoccupazione per me se fossi una persona molto riservata, dove potrebbe finire.
Confronti Penso che l’esperienza sia stata molto positiva e il fatto che sia stato seguito tramite videoconferenza lo è, è anche meglio sotto alcuni aspetti … e non credo che le sessioni siano state minimamente compromesse dai mezzi di comunicazione.
Nuova esperienza Non l’ho mai fatto prima, quindi è stata un’esperienza completamente nuova per me.
Le aspettative cambiano Sorprendentemente davvero utile, ha superato le mie aspettative.
Alleanza di lavoro Ho pensato che il suo ascolto fosse fantastico … sarebbe tornata con qualcosa che avevamo detto … ovviamente stava ascoltando bene … e ricorda le cose … il suo seguito è stato sorprendente.

Aspetti Tecnici

Le coppie hanno scelto di riflettere su alcune caratteristiche fisiche, tra cui l’ubicazione fisica e l’aspetto tecnologico coinvolti nella loro esperienza di videoconferenza. Ad esempio, un paziente ha notato che il semplice atto del terapeuta di non dover scrivere appunti a causa della registrazione delle sessioni ha influenzato la sua esperienza, un altro ha detto

“ Odiavo sentire la penna, questo mi innervosiva davvero, e non potevo sentirlo perché era attraverso la telecamera, quindi mi ha fatto sentire più a mio agio.

Avere audio e video chiari e sincronizzati è essenziale per la qualità dell’assistenza al paziente (  ;  ;  ). Alcune coppie hanno commentato che a volte l’audio si interrompeva: le parole mancanti possono riflettere una potenziale frattura nell’alleanza come illustrato nella citazione sopra, o anche una fornitura di servizio scadente. Le coppie hanno anche riflettuto sull’effetto della telecamera sulla loro esperienza terapeutica. Come illustra il commento seguente, le coppie si sono adattate rapidamente alla videoconferenza e molte successivamente hanno smesso di notare che il terapeuta non era fisicamente nella stanza:

” Penso che ti dimentichi di essere effettivamente … davanti alla telecamera, penso di sì.” 

La citazione di questo partecipante riflette l’idea di presenza sociale, in particolare la capacità della telecamera di trasmettere la presenza fisica del terapeuta alla coppia e viceversa (  ;  ). Più specificamente,  identificato questa idea di telepresenza in videoconferenza, come la misura in cui individui in luoghi diversi si sentono connessi in un luogo. Altri hanno notato la telecamera, ma non l’hanno percepita come una barriera al processo terapeutico:

“ Ho solo fatto finta che non fosse lì, eravamo noi a parlare, e c’era ‘A’ dall’altra parte, ma sai che stavamo parlando, comunicando. 

Nel frattempo, altre coppie hanno scoperto il contrario, riflettendo che c’era un effetto della telecamera. Alcune coppie hanno costantemente notato una netta mancanza di intimità trasmessa attraverso lo schermo:

” Sì, penso che preferirei essere nella stessa stanza del terapeuta … Penso che il contenuto emotivo possa essere un po’ perso a volte, attraverso lo schermo … Penso ancora che se qualcosa diventasse davvero intimo … dove potrebbero esserci lacrime e così via … Penso solo che ci sia un po’ di distanza con alcuni di questi problemi che potrebbero sorgere.

La ricerca suggerisce che il contatto visivo, l’argomento della conversazione, le espressioni facciali e corporee in generale contribuiscono alla quantità di intimità sentita tra due persone ;  ). Questi stessi elementi si applicano alle persone connesse tramite uno schermo di videoconferenza, come si riflette in questo tema.


NON E' MAI TROPPO TARDI PER INIZIARE UNA TERAPIA DI COPPIA

L’idea di distanza

Le coppie hanno anche notato che la videoconferenza ha creato una forma di “distanza” tra la coppia e il terapeuta. Le coppie hanno notato un livello di comfort con la distanza percepita, notando che questo dava loro maggiore controllo e responsabilità per le sessioni. Inoltre, questa responsabilità che le coppie hanno visto per il processo terapeutico delle sessioni, ha aumentato la loro attenzione e ha permesso che fossero entrambi coinvolti e si sforzassero per rendere le sessioni utili.

Come si evince dal tema pre-terapia “distanza e spazio”, alcune coppie hanno anche ritenuto che la tecnologia desse loro la sensazione di avere il proprio spazio e di sentirsi più abilitate dalla tecnologia. Sentirsi a proprio agio nel proprio spazio può consentire a un paziente di sentirsi più responsabile della situazione e può quindi consentire di aprirsi di più come risultato del sentirsi al sicuro (  ).

Tuttavia, altre coppie hanno trovato negativa la distanza creata dalla videoconferenza. Ciò evidenzia che mentre molte coppie hanno trovato positiva la distanza creata dalla videoconferenza, alcune coppie hanno ritenuto che creasse un senso di impersonalità all’interno dell’esperienza terapeutica.

Soddisfazione e comfort

Molte coppie hanno notato di aver trovato l’esperienza di videoconferenza più confortevole e meno minacciosa a causa della mancanza di fisicità del terapeuta. Questo risultato è anche coerente con quelli di studi precedenti (  ). Un certo numero di coppie ha riflettuto sulla propria esperienza di terapia tramite videoconferenza come facilitazione nella discussione e comunicazione perché si sentivano a proprio agio e rilassate:

” Penso che sia molto più facile … Penso che sia molto più comodo di quello che ci aspettavamo, perché è abbastanza intimidatorio pensare che verrai qui e parlerai con qualcuno, qualcuno che non conosci, è piuttosto imbarazzante

Analogamente ai risultati di , l’idea di poter avere un maggior controllo sulla seduta ha permesso alle coppie di sentire maggiormente i benefici delle abilità apprese durante la terapia.

La Dr.ssa Giuliana Proietti presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia
come Direttrice Scientifica e Terapeuta Senior

Riservatezza

Uno dei principi etici più importanti della terapia è la riservatezza, questo è particolarmente importante nella letteratura sulle terapie online, a causa delle sfide uniche offerte da tali approcci (  ;  ;  ). In linea con questo, le coppie hanno notato alcune preoccupazioni sulla riservatezza:

“ Quale potrebbe essere un vero problema … non sapere in quali mani potrebbe finire, perché sì, sarebbe una preoccupazione per me se fossi una persona molto riservata, dove questo potrebbe finire. 

Per la maggior parte, le coppie che riflettono sulla propria esperienza di videoconferenza nello studio attuale non hanno ritenuto che la riservatezza fosse stato un problema significativo, tuttavia molti hanno avuto il timore che ciò che stavano dicendo potesse essere sentito fuori dalla stanza.

notato che un attributo chiave della telemedicina di qualità è la fornitura di privacy e in particolare luoghi silenziosi e insonorizzati per i pazienti. Una volta che le coppie sono state rassicurate su questo, hanno detto di sentirsi più a loro agio nell’affrontare discussioni su argomenti personali.

Confronti

Le coppie hanno confrontato la terapia tramite videoconferenza con le interazioni faccia a faccia, con risposte diverse. Alcuni hanno trovato la videoconferenza paragonabile alle interazioni faccia a faccia, mentre altre coppie hanno espresso una preferenza per le interazioni faccia a faccia. Una coppia ha suggerito che la videoconferenza è in grado di simulare efficacemente le interazioni faccia a faccia, alcune coppie sono andate oltre e hanno notato che oltre all’esperienza di videoconferenza paragonabile a quella di un’interazione faccia a faccia,  il mezzo online era addirittura preferibile e superiore.

Alcune coppie hanno espresso il desiderio di un metodo combinato di videoconferenza e interazione faccia a faccia:

“ Sarebbe stato fantastico se avessimo il primo appuntamento di persona … vedo che funziona abbastanza bene. 

Un altro partecipante ha suggerito:

“ Forse se il servizio prevedesse ogni 6 mesi un incontro faccia a faccia col terapeuta… quella potrebbe essere un’opzione. 

Nel complesso, molte coppie hanno espresso soddisfazione con questo mezzo rispetto alla terapia faccia a faccia,  altre hanno preferito l’interazione fisica, soprattutto in un contesto terapeutico.



Dr. Walter La Gatta

Nuova esperienza

Le coppie hanno anche riflettuto sulla terapia attraverso la videoconferenza come un’esperienza completamente nuova. Tuttavia, nonostante si trattasse di un’esperienza diversa da qualsiasi altra avuta prima, hanno deciso di mantenere una mente aperta riguardo all’uso della videoconferenza per facilitare il processo terapeutico:

” Sei qui per una ragione, e l’altra persona dall’altra parte dello schermo sta dando un input, facendo uno sforzo, quindi mantieni una mente aperta e guarda dove ti porta. 

Come riflettono questi pazienti, molte delle coppie che hanno notato di essere effettivamente entrate nel programma con una mente aperta si sono trovate soddisfatte della loro esperienza.

L'importanza di stare bene con se stessi
per migliorare il rapporto di coppia

Come vivere bene anche se in coppia

Qualche argomento del libro:

  • Comunicazione e dialogo nella coppia
  • Ascolto e comprensione
  • Praticare la gratitudine
  • Complicità e condivisione
  • Non dare per scontato il sentimento e il rapporto

Scritto dai fondatori della Clinica della Coppia.
Online, o nelle migliori librerie.

Le aspettative cambiano

Le coppie hanno discusso di come le loro aspettative fossero cambiate dall’inizio della terapia. Qui le coppie hanno identificato principalmente che le loro aspettative erano cambiate, in gran parte in meglio, spesso notando che le loro aspettative iniziali erano state effettivamente superate:

” All’inizio non ero sicuro di quanto sarebbe stato efficace a causa dello schermo, sì, quindi le mie aspettative sono decisamente cambiate in meglio.”

Questa citazione illustra che alcune coppie sono entrate in terapia piuttosto scettiche riguardo alla videoconferenza come strumento terapeutico praticabile. I commenti finali tuttavia hanno espresso l’idea che, dopo essersi adattati all’esperienza, questa ha superato le loro aspettative.

Alleanza di lavoro

Molte coppie hanno riflettuto in larga misura sulla loro relazione con il terapeuta.  condotto ricerche su come un’alleanza viene stabilita, mantenuta e, soprattutto, percepita da una diade di coppia prima e durante la terapia di coppia. Hanno scoperto che quando la coppia percepisce l’alleanza come forte ed entrambi i partner concordano su questa forza, i risultati positivi della terapia sono significativamente maggiori ). La necessità per un terapeuta di rimanere imparziale e non giudicante è fondamentale per facilitare la creazione di una forte alleanza terapeutica con un paziente (  )

Alcune coppie hanno notato che la capacità di trasmettere comportamenti non verbali attraverso lo schermo, come l’espressione facciale, era in qualche modo inibita dal medium.

Dr. Walter La Gatta

Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior

Discussione

I pazienti hanno riflettuto sul fatto che la videoconferenza fosse una nuova esperienza sia prima che dopo la terapia. Alcuni hanno trovato l’esperienza “strana” all’inizio, mentre altri erano a proprio agio sin dall’inizio o avevano aspettative minime. Dopo aver partecipato al programma, l’idea principale del nuovo tema dell’esperienza era quella di pazienti che entravano con una mente aperta e, successivamente, avevano un’esperienza soddisfacente. Prima della terapia, è stata avanzata l’idea che la videoconferenza fosse abbastanza simile al faccia a faccia da non avere alcun effetto sulla terapia. Alcuni pazienti si aspettavano che fosse migliore e alcuni si aspettavano che fosse peggio. È interessante notare che queste idee non sono cambiate dopo la terapia.

Analogamente a studi precedenti, i pazienti hanno scoperto che una volta che si sono immersi nella terapia stessa, la tecnologia è diventata meno importante (  ). Questo è stato un tema ricorrente nella letteratura sulla terapia online, fornendo una forte evidenza che l’esperienza di ricevere la terapia attraverso la videoconferenza non è inferiore a quella della terapia faccia a faccia, ma invece “diversa” ;  ;  ).

In entrambe le occasioni sono stati discussi anche aspetti pratici . Nelle interviste pre-terapia, i pazienti hanno elencato come potenziali distrattori le caratteristiche della stanza e della fisicità del terapeuta, ma non si aspettavano che queste influenzassero il processo. Un’aspettativa sollevata era se la qualità dei media sarebbe stata alta e se ciò avrebbe contribuito all’efficacia del processo. Dopo la terapia, i pazienti hanno nuovamente fatto riferimento a tecnicismi, come l’interruzione dell’audio, che riflettono le sfide del mondo reale legate all’uso della tecnologia.

Tuttavia, molti pazienti hanno anche affermato che, dopo essersi abituati, hanno smesso di notare che stavano parlando attraverso uno schermo.

Un altro aspetto pratico discusso dopo la terapia era la riservatezza , con le coppie che parlavano dell’importanza di ciò che dicevano rimanendo nella stanza. Alcune coppie hanno anche riflettuto sull’importanza di disporre di procedure di sicurezza, dal momento che il terapeuta non si trovava nello stesso spazio fisico della coppia.

Prima della terapia, i clienti avevano una serie di aspettative sulla connessione e sulle dinamiche tra loro e il terapeuta. Alcuni sentivano di essere in grado di connettersi più velocemente che nella vita reale, mentre altri erano scettici sulla capacità del terapeuta di entrare in empatia online. Un altro tema legato alla distanza e allo spazio tra il terapeuta e la coppia che è stato creato dall’uso della videoconferenza. Questa distanza ha fatto sentire alcuni pazienti distaccati, mentre altri hanno scoperto che li faceva sentire più a loro agio, poiché avevano il loro spazio sicuro.

Questa scoperta evidenzia che la videoconferenza potrebbe essere un’opzione per i pazienti che si sentono a disagio nell’incontrare un terapeuta in uno spazio fisico ( ). Dopo la terapia, i pazienti hanno discusso l’idea di avere il proprio spazio sicuro come risultato di trovarsi in un luogo fisico diverso dal terapeuta. Alcuni pazienti hanno detto di essersi sentiti meno minacciati.

Dopo la terapia, la maggior parte dei pazienti sentiva di essere stata in grado di connettersi con il terapeuta e di formare un’alleanza di lavoro e che in alcuni casi la distanza online lo aveva migliorato. Ciò era simile ai risultati di altri studi, che hanno scoperto che i clienti sentivano di poter rivelare di più sui mezzi online (  ). I pazienti hanno parlato della dinamica a tre vie che è stata creata come risultato dell’utilizzo della videoconferenza. Ciò ha avuto una serie di vantaggi, come la possibilità di osservare il proprio partner interagire con il terapeuta e la possibilità di assumersi la responsabilità del cambiamento della loro relazione come coppia, perché il terapeuta sembra essere un po’ più lontano dalla situazione. Allo stesso modo, i pazienti hanno discusso l’idea di distanza, riflettendo che ciò li ha aiutati a sentirsi più controllati e responsabili dei progressi nelle sessioni. Tuttavia, altri pazienti hanno ritenuto che la distanza rendesse l’esperienza impersonale e che, specialmente in situazioni più emotive, la distanza sarebbe stata un problema.

Dopo aver completato il programma, la maggior parte dei pazienti ha segnalato un senso di soddisfazione e conforto nell’utilizzo della videoconferenza. Ciò era particolarmente evidente per i clienti che hanno riferito di aver cercato di mantenere una mente aperta durante il programma. Un altro tema era il cambiamento delle aspettative , con molti pazienti che hanno notato che le loro aspettative erano cambiate in meglio durante il processo, il che è in linea con i risultati della ricerca precedente (  ;  ). È interessante notare che numerosi pazienti hanno riflettuto sul fatto di sentirsi più sicuri ea proprio agio utilizzando la videoconferenza di quanto non sarebbero stati faccia a faccia.

I risultati di questo studio sono particolarmente rilevanti alla luce del Telehealth Medicare Benefits Scheme attualmente esistente in Australia (  ). Questo schema fornisce aiuto ai pazienti che hanno bisogno di accedere ai servizi sanitari ma devono affrontare ostacoli per farlo, come la distanza o la mobilità. Nuovi elementi sono stati introdotti nel programma verso la fine del 2019, per promuovere l’uso della telemedicina per i clienti che vivono in aree rurali e remote ( ). Poiché i risultati di questo studio indicano che i pazienti hanno trovato questo programma vantaggioso per loro in diversi modi, potrebbe essere adottato da professionisti della salute mentale che hanno bisogno di fornire una terapia di coppia online.

 

Le aspettative dei Terapeuti

Le aspettative dei terapisti, così come quelle dei pazienti, possono avere un potenziale impatto sul processo terapeutico. I terapeuti sono stati generalmente più riluttanti a fornire la terapia online di quanto non lo fossero i clienti a riceverla (  ). La ricerca ha scoperto che i terapeuti tendono a considerare la terapia online meno efficace della terapia faccia a faccia, il che potrebbe influenzare i risultati prodotti. Alcuni terapeuti hanno anche espresso preoccupazione per la capacità di trasmettere calore ed empatia attraverso la videoconferenza (  ).

Conclusione

Il presente studio mirava a esplorare le aspettative e le esperienze delle coppie impegnate in terapia attraverso la videoconferenza. All’inizio del processo terapeutico, le coppie hanno riflettuto sulle loro impressioni e aspettative iniziali, con molte coppie che confrontano la loro esperienza iniziale di videoconferenza con la terapia precedente o la comunicazione generale faccia a faccia. I risultati riflettono che, nel complesso, le coppie hanno sperimentato un cambiamento positivo nelle aspettative, con le riserve iniziali di molte coppie superate dalla loro capacità di immergersi completamente nel processo terapeutico. Anche se le coppie hanno descritto l’esperienza della videoconferenza come “diversa”, non è stata necessariamente percepita come peggiore o più difficile. Molte coppie, infatti, hanno ritenuto che la distanza creata dalla tecnologia permettesse di provare un maggiore senso di controllo e comfort.

Le coppie sono state in grado di entrare in contatto con il loro terapeuta e impegnarsi nel processo, spesso notando che avrebbero dimenticato che lo schermo del computer era tra loro. Le coppie hanno inoltre notato che il video ha effettivamente permesso di migliorare l’alleanza, poiché c’era una maggiore attenzione percepita sul processo di terapia. Inoltre, le coppie hanno notato di sentirsi meno giudicate, il che a sua volta ha permesso loro di rivelare pensieri e sentimenti più vulnerabili. Nel complesso, le coppie hanno trovato l’esperienza positiva e coinvolgente.

L’articolo rappresenta un’ampia sintesi dello studio:

. 2019; 10: 2992.
Published online 2020 Jan 21. doi: 10.3389/fpsyg.2019.02992
PMCID: PMC6985577
PMID: 32038380 
Expectations and Experiences of Couples Receiving Therapy Through Videoconferencing: A Qualitative Study

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6985577/

Dr. Walter La Gatta


Ipnosi clinica

Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia
come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior

Immagine
Pxhere

Di Dr. Walter La Gatta

PSICOLOGO-PSICOTERAPEUTA SESSUOLOGO di Ancona - Psicoterapie individuali e di coppia online - Sessuologia (Sessuologia Clinica, individuale e di coppia) - Tecniche di rilassamento e Ipnosi - Disturbi d’ansia, timidezza e fobie sociali Per appuntamenti: 348 – 331 4908 Sito personale: www.walterlagatta.it Altri Siti: www.psicolinea.it www.clinicadellatimidezza.it www.festivaldellacoppia.it ISCRIVITI ALLA PAGINA FACEBOOK! w.lagatta@psicolinea.it Tel. 348 3314908 Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *