• 23 Febbraio 2024 7:38

Le iniezioni intracavernose per avere l’erezione

Le iniezioni intracavernose per avere l'erezione

Le iniezioni intracavernose per avere l’erezione

Dr. Walter La Gatta

Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior

Attenzione: questo articolo è scritto a solo scopo informativo e non intende sostituirsi alle informazioni e ai pareri ricevuti dal medico curante. E’ consigliabile rivolgersi a un urologo prima di iniziare questo trattamento. Leggi il disclaimer.

Cosa sono le iniezioni intracavernose e a cosa servono?

Le iniezioni intracavernose sono un trattamento per curare la disfunzione erettile (DE), che consiste nell’iniettare dei farmaci nel tessuto spugnoso del pene, allo scopo di dilatare i vasi sanguigni.

Quando si consigliano queste terapie?

In genere il trattamento è consigliato quando gli inibitori della fosfodiesterasi 5 non hanno dato i risultati sperati.


Dr. Walter La Gatta
Tel. 348 3314908

Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior

Quali farmaci vengono utilizzati per le iniezioni? Quali sono le loro differenze?

I farmaci e le combinazioni di farmaci attualmente in uso riguardano in particolare l’Aprostadil, che è il farmaco più utilizzato. Altri farmaci sono: la papaverina, la fentolamina, il peptide intestinale vasoattivo, l’atropina e la forscolina. I dosaggi possono variare in base alle necessità.

La papaverina è disponibile a un costo relativamente basso ed è stabile a temperatura ambiente, ma è meno efficace delle altre opzioni e potrebbe avere maggiori probabilità di causare cicatrici (fibrosi).
La papaverina più fentolamina (Bi-Mix) è più potente della sola papaverina, ma con gli stessi potenziali effetti collaterali, come priapismo e formazione di tessuto cicatriziale.
L’alprostadil causa raramente priapismo, ma può causare dolore. (Alprostadil è noto anche come prostaglandina E1. In forma di polvere, può essere chiamato CaverJect o Edex.)
La papaverina più fentolamina più alprostadil (Tri-Mix) è l’opzione più potente. Richiede refrigerazione e ha gli stessi effetti collaterali della papaverina e dell’alprostadil.
Quad-Mix, una combinazione di Tri-Mix e un farmaco chiamato atropina, è un’altra formulazione, ma non viene utilizzata spesso, poiché il ruolo dell’atropina nel processo di erezione non è ancora chiaro.

Quando sono sconsigliate queste iniezioni?

Sono sconsigliate, quando si ha ipersensibilità al farmaco, oppure il paziente può essere a rischio di priapismo o è in terapia con anticoagulanti.

Quale è la figura medica di riferimento per questo tipo di trattamento?

E’ l’urologo.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi delle iniezioni peniene rispetto agli inibitori della PDE-5?

L’efficacia delle iniezioni è significativamente maggiore, anche in assenza di stimolazione e desiderio sessuale (fino al 93%). Inoltre, l’azione è più veloce, le erezioni sono più forti e rigide, ci sono scarsi effetti collaterali.
Gli svantaggi riguardano la modalità di somministrazione, che è decisamente meno semplice, e la possibilità di sviluppare priapismo (erezione dolorosa e prolungata che dura più di 4 ore) nell’1% dei casi.

 

Terapie online. Dr. Walter La Gatta

Facebook   Twitter

Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia
come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior

 

Come viene iniettato il farmaco ?

Il farmaco viene dapprima aspirato in una siringa, solitamente una siringa da insulina con un ago corto e molto sottile e poi iniettato nel tessuto spugnoso del pene (corpi cavernosi).

Dopo l’iniezione occorre comprimere l’area per almeno cinque minuti. Il farmaco tende a funzionare meglio se si sta in posizione eretta, perché in questo modo può affluire al pene una maggiore quantità di sangue.

Dove si deve iniettare il farmaco?

Ai due lati del pene. Occorre assicurarsi che l’iniezione venga fatta alla base del pene, in una posizione simile a quella delle lancette dell’orologio, tra le 2 e le 4 o tra le 8 e le 10, per non danneggiare l’uretra, i nervi e i vasi sanguigni del pene. Va evitata, infatti, accuratamente, qualsiasi area in cui sia visibile un vaso sanguigno. E’ consigliabile anche cambiare la zona in cui avviene l’iniezione.

Quanto tempo occorre per avere un’erezione?

Se si inietta la giusta dose di farmaco, il paziente dovrebbe avere un’erezione nell’arco di 10-15 minuti.



Dr. Walter La Gatta

Esistono dispositivi per evitare di farsi l’iniezione?

Alcune persone possono preferire l’autoiniettore, che è un dispositivo caricato a molla e che inserisce l’ago nel pene molto rapidamente, riducendo al minimo il disagio e l’esitazione psicologica.

Questi trattamenti possono dare effetti collaterali?

Occasionalmente, le iniezioni nel pene possono causare svenimenti, vertigini e abbassamento della pressione sanguigna. In rari casi possono verificarsi priapismo o erezioni prolungate.

Cosa fare se l’erezione persiste per più di tre  quattro ore?

E’ opportuno chiedere assistenza medica al pronto soccorso o al proprio urologo di fiducia.

Le iniezioni al pene sono sempre efficaci nel provocare l’erezione?

No. Ad esempio non sono efficaci in pazienti che soffrono di malattie vascolari o problemi di flusso sanguigno.

Seguici su X - Twitter

Quando è meglio evitare le iniezioni nel pene?

E’ meglio evitare le iniezioni nei seguenti casi:

  • grave cicatrice del pene
  • infezione attiva o piaghe sul pene
  • allergie ai farmaci utilizzati per l’iniezione

Le iniezioni funzionano con chi soffre di diabete?

No. Gli uomini che soffrono di diabete grave o di lunga data hanno meno possibilità di successo con le iniezioni.

Qual è il momento ottimale dopo la prostatectomia per iniziare la terapia iniettiva?

Non ci sono criteri rigidi su quando iniziare. La maggior parte degli uomini dovrebbe impiegare almeno dalle quattro alle sei settimane per riprendersi dall’operazione prima di riprendere l’attività sessuale.

Le iniezioni funzionano anche sugli uomini che hanno subito prostatectomie senza conservazione dei nervi?

Poiché le iniezioni bypassano i nervi che inducono l’erezione, in genere funzionano indipendentemente dallo stato di risparmio dei nervi.

Love is Love:
Clinica della Coppia is LGBT FriendlyLove is Love

Le iniezioni si possono fare tutti i giorni?

Iniezioni frequenti aumentano il rischio di accumulo di tessuto cicatriziale. Molti medici raccomandano di evitare somministrazioni “troppo frequenti”, ma questa decisione va sempre presa in accordo col proprio urologo di fiducia.

Se un’iniezione non inizia a funzionare entro 15 minuti, si può provare con un’altra iniezione?

No. La somministrazione ripetuta non è consigliata perché può causare priapismo, cioè un’erezione prolungata potenzialmente pericolosa.

Come funzionano questi farmaci per produrre un’erezione?

I farmaci portano all’erezione rilassando i muscoli lisci e dilatando i vasi sanguigni del pene, migliorando il flusso sanguigno.

Come viene determinato il dosaggio corretto?

Il dosaggio dipende dalla forza del farmaco e dalla quantità utilizzata (di solito meno di 1 cc), Potrebbe essere necessario del tempo e della sperimentazione per determinare il farmaco e la dose ottimali.

Quanto durano le erezioni?

Le erezioni di solito si verificano in 5-10 minuti e durano da 30 minuti a un’ora circa. L’erezione diventa più rigida se si verifica la stimolazione sessuale.


NON E' MAI TROPPO TARDI PER INIZIARE UNA TERAPIA DI COPPIA

Le dosi di farmaco dovranno essere progressivamente aumentate?

A volte sono necessari aggiustamenti della dose nel tempo.

Cosa succede se un farmaco che richiede refrigerazione viene lasciato fuori dal frigo?

Il problema non è che il farmaco si deteriori e diventi pericoloso, come accade con il cibo lasciato fuori dal frigorifero. Il problema è che questi farmaci perdono gradualmente efficacia, un processo più veloce se i farmaci non vengono tenuti in un ambiente fresco.

Esistono farmaci che non richiedono refrigerazione e che posso utilizzare durante il viaggio?

Si. Alcuni farmaci sono disponibili sotto forma di polvere da miscelare al momento dell’uso. Gli esempi includono alprostadil (CaverJect o Edex) e alcune formulazioni di Tri-Mix. I farmaci composti misti possono essere trasportati, ma idealmente dovrebbero essere conservati in borse da stiva o in un frigorifero, in modo che rimangano il più freddi possibile e mantengano la loro efficacia.

Questi farmaci perdono efficacia nel tempo anche se conservati correttamente?

Sì, nel corso di diversi mesi diventano meno efficaci. Il farmaco non diventa pericoloso se usato dopo la scadenza, ma potrebbe essere meno efficace.

Clinica della Coppia Ritrovarsi dopo la crisi

Ci sono effetti collaterali a lungo termine legati all’uso delle iniezioni?

Esiste un piccolo rischio che le iniezioni o i farmaci utilizzati possano causare  cicatrici nel pene. Ciò può portare alla malattia di Peyronie, una deformità dolorosa del pene causata da un accumulo di placca o tessuto cicatriziale nel tessuto erettile (il corpo cavernoso). Tuttavia, la malattia di Peyronie è relativamente rara e può essere curata. È possibile ridurre al minimo il rischio di sviluppare la malattia di Peyronie utilizzando una tecnica di iniezione corretta.

Come deve essere fatta correttamente l’iniezione?

L’ago deve penetrare nei corpi cavernosi. Ciò si ottiene meglio inserendo l’ago in senso perpendicolare rispetto all’asta del pene. Se l’ago è posizionato correttamente, non dovrebbe essere difficile premere lo stantuffo. Se si incontra resistenza, la punta dell’ago potrebbe trovarsi in uno strato duro di fascia; in questo caso, indietro leggermente l’ago e riprovare. Se l’iniezione è troppo superficiale, il farmaco potrebbe non penetrare nei corpi cavernosi e potrebbe non funzionare.

L’iniezione fa male?

Dato che ci sono poche terminazioni nervose sull’asta del pene, la maggior parte degli uomini non avverte dolore o avverte solo un lieve e breve disagio (specie per i farmaci che contengono prostaglandine).

Se l’iniezione fa male, si può usare un anestetico topico?

Sì, qualsiasi anestetico locale, come una gelatina o una crema alla lidocaina, può essere d’aiuto.

Quali aghi devono essere utilizzati ?

Non è raccomandato l’uso di aghi troppo piccoli: gli aghi più piccoli tendono a rompersi.

La Dr.ssa Giuliana Proietti presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia
come Direttrice Scientifica e Terapeuta Senior

Quanto tempo occorre per avere l’erezione?

Occorrono da cinque a dieci minuti dopo l’iniezione.

Quanto tempo dura l’erezione?

Dura circa 30 minuti, anche se la durata può essere più lunga.

È necessaria la stimolazione sessuale per avere un’erezione?

La stimolazione non è necessaria dopo le iniezioni nel pene ma può migliorare la risposta erettile.

E’ sempre necessario avere un’erezione per avere un orgasmo?

No, non è necessario avere un’erezione per raggiungere l’orgasmo. Usando  un vibratore o modificando le proprie pratiche sessuali si possono avere rapporti sessuali soddisfacenti anche senza erezione.

Se si vuole che l’erezione duri più a lungo ma senza prendere dosi eccessive di farmaci ci sono soluzioni? 

Sì, si può usare un anello di costrizione peniena per 30 minuti consecutivi.

A volte una dose che in precedenza funzionava bene non produce erezione. Cosa può essere successo?

La spiegazione più probabile è che l’iniezione non sia riuscita a raggiungere i corpi cavernosi o che il farmaco sia scaduto e abbia perso efficacia. È anche possibile che la disfunzione erettile sia peggiorata e che si abbia bisogno di una dose più elevata di farmaci o di una formulazione diversa.


CLINICA DELLA COPPIA
è su Instagram



Se non si ottiene un’erezione dopo l’iniezione, si può proseguire con un’altra iniezione, magari su un lato diverso del pene e utilizzando una dose più piccola?

La somministrazione ripetuta è rischiosa perché può aumentare il rischio di priapismo. A volte basta aspettare un po’ di più perché il farmaco faccia effetto. Se non c’è alcuna risposta, la soluzione più sicura è accettare che l’iniezione questa volta non abbia funzionato e attendere almeno 24 ore prima di riprovare.

Cos’è il priapismo e perché è pericoloso?

Il priapismo è un’erezione prolungata non associata all’eccitazione sessuale. La maggior parte dei casi sono di tipo ischemico: il sangue è intrappolato nel pene e non riesce a defluire attraverso le vene. Se ignorato, il priapismo può provocare dolore intenso e disfunzione erettile permanente che non risponde alla terapia medica. Fortunatamente, se trattato tempestivamente, il problema può essere risolto.

Le iniezioni del pene possono causare danni permanenti al pene?

Anche se è raro, sono possibili cicatrici. Per ridurre il rischio, occorre seguire strettamente i consigli ricevuti dal medico sull’utilizzo di questo metodo prestando particolare attenzione alla tecnica dell’ iniezione.

Cosa succede se si colpisce accidentalmente un vaso sanguigno ?

La compressione di solito arresta qualsiasi sanguinamento correlato alla lesione dell’ago causata dalle iniezioni nel pene. Se si continua a sanguinare dopo aver applicato una pressione diretta per 10-15 minuti, occorre rivolgersi al medico.

Si sviluppano infezioni dalle iniezioni?

È molto raro.


Le relazioni felici Clinica della Coppia

L’iniezione può influire sulle infezioni a trasmissione sessuale (STI)?

No, l’iniezione non aumenta questo rischio.

È possibile utilizzare le iniezioni durante l’assunzione di farmaci orali per l’erezione?

Il rischio di priapismo aumenta se si combinano iniezioni e farmaci per la DE per via orale. Alcuni uomini potrebbero trarre beneficio da questo approccio, ma prima di provarlo è sempre necessario chiedere all’urologo curante.

Quando potrebbe verificarsi una curvatura dell’erezione?

Le iniezioni potrebbero causare la formazione di tessuto cicatrizzato che determina la curvatura. Questa condizione si verifica in non più del 10% degli uomini nella popolazione generale, ma può essere più comune in coloro che fanno uso di iniezioni. La condizione è chiamata malattia di Peyronie.

Gli uomini che sviluppano curvatura possono continuare a usare in sicurezza le iniezioni?

Se la curvatura è minima e non interferisce con l’esperienza sessuale, di solito si può farlo, ma è sempre meglio chiedere al medico.

Dr. Walter La Gatta


Ipnosi clinica

Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia
come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior

Attenzione: questo articolo è scritto a solo scopo informativo e non intende sostituirsi alle informazioni e ai pareri ricevuti dal medico curante. E’ consigliabile rivolgersi a un urologo prima di iniziare questo trattamento. Leggi il disclaimer.

Immagine
https://www.mskcc.org/cancer-care/patient-education/penile-injection-therapy

Di Dr. Walter La Gatta

PSICOLOGO-PSICOTERAPEUTA SESSUOLOGO di Ancona - Psicoterapie individuali e di coppia online - Sessuologia (Sessuologia Clinica, individuale e di coppia) - Tecniche di rilassamento e Ipnosi - Disturbi d’ansia, timidezza e fobie sociali Per appuntamenti: 348 – 331 4908 Sito personale: www.walterlagatta.it Altri Siti: www.psicolinea.it www.clinicadellatimidezza.it www.festivaldellacoppia.it ISCRIVITI ALLA PAGINA FACEBOOK! w.lagatta@psicolinea.it Tel. 348 3314908 Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *