• 19 Maggio 2024 17:06

Clinica della Coppia

Che l'amore è tutto è tutto quello che sappiamo dell'amore. Emily Dickinson

Stili di vita e vita sessuale

DiDr. Walter La Gatta

Giu 2, 2021
Stili di vita e vita sessuale

Stili di vita e vita sessuale

Dr. Walter La Gatta

Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior

La salute sessuale è strettamente correlata alla salute generale di entrambi i sessi. Una disfunzione sessuale può rappresentare un indicatore del futuro sviluppo di malattie cardiovascolari o metaboliche. Questo articolo presenta una rassegna di ricerche riguardanti stili di vita sani e malsani e il loro contributo allo sviluppo della qualità della vita sessuale in modo dipendente dal genere.

A33/A12

La salute sessuale è caratterizzata da un processo complesso e multidimensionale coordinato dai sistemi neurologico, endocrino e vascolare. Le disfunzioni sessuali maschili e femminili rappresentano un problema medico e psicologico che influisce negativamente non solo sulla salute fisica e sul benessere emotivo: la compromissione della funzione sessuale può avere un effetto dannoso sull’autostima, sull’immagine corporea, sui rapporti interpersonali e sulla salute fisica in generale , compresa la fertilità.

I fattori di rischio modificabili per le disfunzioni sessuali maschili e femminili sono: fumo, inattività fisica, obesità e consumo eccessivo di alcol e droghe. Assumere uno stile di vita sano potrebbe essere una strategia utile per ridurre il rischio di disfunzione erettile (DE) e altre disfunzioni sessuali.

La terapia di coppia offre
un percorso verso il cambiamento,
immediato e duraturo.
La terapia di coppia offre un percorso verso il cambiamento - Clinica della Coppia

Obesità

L’obesità è un problema di salute pubblica drammaticamente grave e in molti paesi ha le caratteristiche di una vera e propria epidemia. Le informazioni fornite dai sistemi di sorveglianza epidemiologica suggeriscono che quasi due miliardi di adulti sono in sovrappeso, di cui 500 milioni obesi e, per la prima volta, il numero di individui obesi nei paesi sviluppati è quasi equivalente al numero di sottopeso, con una prevalenza maggiore negli uomini.

Insieme all’elevata prevalenza, l’obesità incide negativamente sulla salute fisica, psichica e sessuale in generale. Ad esempio, è stato dimostrato che l’obesità di classe III riduce l’aspettativa di vita da 6 a 14 anni. Un altro studio rivela che la riduzione dell’aspettativa di vita negli obesi peggiora con il fumo (da 7,2 a 13,3 anni nelle femmine, da 6,7 ​​a 13,7 nei maschi).

L’obesità, di per sé, è un fattore di rischio indipendente per le malattie cardiovascolari ma aumenta anche l’incidenza di patologie come diabete, dislipidemia, ipertensione, che, come l’obesità, sono esse stesse fattori di rischio per lo sviluppo di malattie cardiovascolari. Tra i fattori psicosociali, l’obesità provoca disagio psicologico, in particolare è causa di stigma sociale e discriminazione legata al peso, incidendo negativamente sulla qualità della vita soprattutto nelle donne. La psicopatologia che pesa di più sulle persone obese è la depressione. È stato evidenziato che tra le persone estremamente obese, la diagnosi di un disturbo dell’umore è molto comune.

Dal punto di vista sessuale, uno studio americano sulle disfunzioni sessuali nella popolazione obesa ha mostrato tassi di prevalenza intorno al 7-22% per le donne (dolore del coito, problemi di eccitazione e insoddisfazione sessuale) e 5-21% per gli uomini (DE e diminuzione del desiderio).

Inoltre, numerose evidenze scientifiche hanno evidenziato l’importante interconnessione tra obesità, disfunzioni sessuali e lo sviluppo di future Malattie Non Trasmissibili (NCD) in generale e malattie cardiovascolari in particolare. Allo stato attuale, l’insorgenza di disfunzioni sessuali nei pazienti obesi offre l’opportunità per studi clinici approfonditi, che nella maggior parte dei casi consentono loro di identificare e intervenire su uno stadio precoce della malattia cardiovascolare. A differenza degli uomini, si sa meno sulla relazione tra la funzione sessuale e la quantità di grasso corporeo nella controparte femminile. La mancanza di informazioni è dovuta alla scarsità degli studi e principalmente ai diversi metodi utilizzati per la valutazione sessuale femminile.

I pazienti con disfunzione erettile hanno generalmente un peso corporeo e una circonferenza della vita mediamente superiori ai pazienti sani. Infatti, nello studio di follow-up, gli uomini con un indice di massa corporea (BMI) superiore a 28,7 avevano un rischio di sviluppare DE superiore al 30% del normale (BMI <25). Allo stesso modo, i risultati degli studi Massachussets Male Aging Study e Rancho Bernardo Study della durata rispettivamente di 9 e 25 anni hanno mostrato che il peso corporeo è un fattore di rischio indipendente per la disfunzione erettile con un rischio aggiuntivo del 90% rispetto ai controlli (Odd Ratio tra 1,93 e 1,96 rispettivamente). Una più ampia prevalenza di DE può essere evidenziata anche nei pazienti con sindrome metabolica che rappresenta una costellazione di fattori di rischio per lo sviluppo di diabete, malattie coronariche e altre complicanze vascolari. Per la sua diagnosi è necessaria la coesistenza di almeno tre dei criteri codificati dall’Adult Treatment Panel III: circonferenza vita > 102 cm nell’uomo, > 88 cm nella donna; trigliceridi > 150 mg/dl; colesterolo-HDL <40 mg / dl nell’uomo, <50 mg / dl nella donna; pressione sanguigna > 130/85 mmHg; glicemia> 110 mg / dl).

Risultati sempre più rilevanti suggeriscono che l’associazione tra obesità e DE può essere spiegata dalla disfunzione endoteliale. Questo collegamento è stato clinicamente dimostrato per la prima volta da Kaiser, confrontando uomini con disfunzione erettile senza manifestazioni evidenti o fattori di rischio di malattia vascolare con un gruppo di controllo simile ma senza disfunzione erettile. Tra i due gruppi dello studio, non ci sono state differenze significative nello spessore carotideo-mediale del punteggio totale calcifico delle arterie coronarie, ma c’era, tuttavia, una significativa diminuzione della vasodilatazione dell’arteria brachiale nel gruppo DE. Queste prime osservazioni hanno suggerito che la DE potrebbe essere considerata una manifestazione estremamente precoce dell’insufficienza vascolare.

Clinica della Coppia Ritrovarsi dopo la crisi

Per quanto riguarda la salute sessuale femminile, dati recenti della letteratura suggeriscono che le donne in sovrappeso e obese hanno una funzione sessuale inferiore rispetto alle donne sane. È importante sottolineare come l’aumento della gravità dell’obesità è correlato positivamente con una maggiore compromissione della qualità della vita sessuale, in misura maggiore rispetto a quella degli uomini obesi. Inoltre, tra tutte le donne obese, quelle che segnalano maggiori problemi sessuali sono le donne che scelgono la chirurgia bariatrica. Tutti questi risultati suggeriscono che le donne con obesità grave, in particolare quelle che cercano la chirurgia bariatrica, rappresentano una popolazione ad alto rischio di sviluppare disfunzioni sessuali.

Solo pochi studi hanno indagato in modo specifico la funzione sessuale nelle donne obese: in uno studio, Kirchengast et al. hanno scoperto che, nelle donne in post menopausa, un elevato indice di massa corporea è associato a una riduzione del desiderio sessuale. In un altro studio, la prevalenza della disfunzione sessuale femminile tra le donne che si sottopongono a chirurgia bariatrica era superiore rispetto alle donne con infertilità (26%) e alle donne con ipertensione (42%), ma simile a quelle che accedono all’ambulatorio sessuologico (60%) e inferiore rispetto alle donne con problemi uro-ginecologici (64-68%).

D’altra parte, Esposito et al. hanno scoperto una relazione negativa tra peso corporeo e funzione sessuale in 52 donne con valori anormali di FSFI (punteggio < 23), dimostrando che l’obesità colpisce diverse aree della funzione sessuale a differenza delle donne sane con FSD: eccitazione, lubrificazione, soddisfazione e orgasmo, ma non desiderio e dolore.

I dati di uno studio su un campione di donne obese che si preparavano alla chirurgia bariatrica confermano i risultati dello studio di Esposito, fatta eccezione per l’area del desiderio, che è significativamente più bassa nel campione di donne obese rispetto al gruppo di controllo. Questa discrepanza potrebbe essere attribuita ai diversi impatti che, nelle diverse coorti studiate, possono avere il relativo iper-androgenismo riscontrato frequentemente nell’obesità femminile rispetto alla perdita dell’immagine corporea anch’essa molto comune nella stessa condizione.

Infine, sovrappeso, obesità e uno stile di vita sedentario sono associati ad un aumentato rischio di cancro al seno in post-menopausa, poiché un’eccessiva adiposità aumenta la concentrazione di ormoni sessuali come estrogeni e androgeni.


TERAPIE SESSUALI - CLINICA DELLA COPPIA

Attività fisica

L’attività fisica è una delle attività più sane e soprattutto riduce il rischio di malattie croniche (come il diabete o ipertensione) o la sessualità. Inoltre, alcuni studi hanno dimostrato che uno stile di vita attivo riduce notevolmente la possibilità di avere un alterato controllo della glicemia.

Nei soggetti con disfunzione sessuale e affetti da diabete o obesità grave, l’attività fisica è un fattore protettivo molto importante: l’attività fisica costante è stata un effetto protettivo contro la DE negli uomini con diabete  e nelle donne con disfunzione sessuale.

Da una meta-analisi è stato dimostrato che un’attività fisica intensa e moderata è associata a un minor rischio di sviluppare DE perché aumenta la produzione endoteliale di NO e diminuisce lo stress ossidativo. Inoltre, l’esercizio ha dimostrato effetti benefici sull’autostima e sulla salute mentale, con un impatto positivo sui problemi psicologici associati alla disfunzione sessuale.

Nei pazienti ipertesi con disfunzione erettile, la durata dell’esercizio fisico di 8 settimane da 45 a 60 minuti al giorno ha migliorato la funzione erettile rispetto ai controlli che sono rimasti sedentari durante lo stesso periodo. Questi dati sono stati confermati da un recente studio che valuta l’effetto di un protocollo di attività fisica aerobica (circa 150 minuti a settimana) sulla qualità della funzione erettile in pazienti di mezza età con disfunzione erettile su base vascolare. Dopo 3 mesi, i pazienti nel gruppo di intervento hanno mostrato un aumento significativo del punteggio abbreviato dell’International Index of Erectile Function (IIEF-5) associato a una riduzione delle cellule endoteliali pro-apoptotiche rispetto ai controlli.


Ipnosi clinica

Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia
come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior

In un altro studio, 60 pazienti con disfunzione erettile sono stati randomizzati per ricevere un inibitore della fosfodiesterasi di tipo 5 (PDE5i) da solo o in associazione con una regolare attività aerobica (circa 3 ha settimana). Dopo 3 mesi nell’intergruppo si è verificato un miglioramento del punteggio totale dell’IIEF del 77,8% rispetto al 39,3% del controllo ( p  <0,004), suggerendo che i cambiamenti dello stile di vita possono aumentare significativamente i benefici della terapia farmacologica per la disfunzione erettile.

Risultati simili sono stati riscontrati in soggetti con eiaculazione precoce (EP). In uno studio recente, è stato dimostrato che i sintomi dell’EP tendevano ad aumentare con la diminuzione della frequenza dell’attività fisica.  Gli esercizi fisici migliorano infatti l’autostima e l’immagine corporea, che sono influenzate negativamente nei soggetti con EP. Nelle donne, l’esercizio fisico può migliorare molti sintomi tipici della menopausa, in particolare umore, sonno, ansia, depressione e problemi muscoloscheletrici. Insieme a questi, le donne in post-menopausa che svolgono attività fisica regolare mantengono una buona qualità della vita sessuale. In uno studio longitudinale, le donne in menopausa hanno una migliore immagine corporea quando esercitano un’attività fisica costante, migliorando la loro autostima, l’espressione delle emozioni e mantenendo un BMI adeguato.

Scopri chi siamo e di cosa ci occupiamo!

Nonostante l’importanza della sessualità e dell’attività fisica per la qualità della vita e la salute delle donne, in letteratura sono scarsi gli studi che valutino la relazione tra questi aspetti. In uno studio di Cabral et al., la presenza di una disfunzione sessuale, misurata dal Female Sexual Function Index (FSFI), è stata riscontrata nel 67% del campione e associata a uno stile di vita sedentario. Quasi 4 donne su 5 che non svolgevano attività fisica hanno riportato disfunzioni sessuali (78,9%) rispetto all’esercizio fisico regolare (57,6%). Sulla base di questi dati, l’assenza di attività fisica aumenta di 2,1 volte la possibilità di avere una disfunzione sessuale nelle donne in menopausa.

La perdita di peso, sia attraverso i cambiamenti dello stile di vita che attraverso la chirurgia bariatrica, è associata ad un miglioramento di molti fattori biologici, psicologici e sessuali. Kho et al. hanno confrontato gli effetti della dieta ipocalorica di 2 mesi sulla sensibilità all’insulina, sui livelli plasmatici di testosterone, sulla funzione erettile e sul desiderio sessuale in uomini obesi e diabetici rispetto a uomini non diabetici ma con BMI e circonferenza della vita simili. La perdita di peso del 10% è stata significativamente associata ad una maggiore sensibilità all’insulina, livelli plasmatici di testosterone, funzione erettile e desiderio nei diabetici e nei pazienti non diabetici. Risultati simili sono stati ottenuti con la perdita di peso indotta dalla chirurgia bariatrica come dimostrato dall’aumento della qualità della funzione erettile misurata con IIEF-5 e dall’aumento dei livelli di testosterone totale.

La Dieta Mediterranea, che prevede un elevato consumo di legumi, verdura e frutta, e il consumo limitato di carne rossa, latticini, cibi e bevande ad alto contenuto di grassi, è associata a una riduzione del rischio di disfunzione erettile e di altri disturbi sessuali correlati in entrambi pazienti diabetici e non diabetici. Sono stati studiati sessantacinque uomini con sindrome metabolica e disfunzione erettile; 35 di questi sono stati assegnati alla dieta di intervento secondo il modello di dieta mediterranea e 30 ad un altro modello di dieta. I soggetti del gruppo di intervento sono stati invitati a consumare almeno 250-300 g (g) di frutta, 125-150 g di verdura e 25-50 g di noci al giorno. Inoltre, sono stati incoraggiati a consumare 400 g di cereali integrali al giorno (legumi, riso, mais e frumento) e ad aumentare il consumo di olio d’oliva. Dopo 2 anni, gli uomini del gruppo di dieta mediterranea avevano un punteggio IIEF maggiore rispetto agli uomini del gruppo di controllo.

L’effetto benefico della dieta mediterranea sull’aterosclerosi in generale e in particolare sulla disfunzione erettile è mediato da molteplici vie biologiche, tra cui una riduzione dello stress ossidativo, infiammazione subclinica e una migliore sensibilità all’insulina, che a sua volta può aumentare il rilascio di NO nelle arterie del pene.

Playlist dal Canale YouTube di Psicolinea.it

 

Le donne diabetiche che hanno aderito meglio alla dieta mediterranea hanno riportato un BMI più basso, una circonferenza della vita e un rapporto vita-fianchi, livelli più bassi di depressione, obesità e sindrome metabolica, un livello più alto di attività fisica e migliori profili di glucosio e lipidi rispetto alle donne che non sono state costantemente a dieta. L’adesione alla dieta mediterranea ha anche migliorato la frequenza dei rapporti sessuali e ridotto significativamente la prevalenza di disfunzioni sessuali.

Fumo

Il fumo è un problema di salute globale. Una sigaretta contiene quasi quarantamila composti chimici, di cui 60 estremamente tossici. Studi epidemiologici mostrano che il fumo contribuisce all’eziologia di molte malattie, compresi i disturbi circolatori respiratori, neurologici e oncologici, a causa delle sue proprietà tossiche.

Uno dei principali effetti del fumo di sigaretta è la diminuzione della vasodilatazione dei tessuti endoteliali vascolari: il fumo cronico causa DE negli uomini, mentre il suo ruolo nelle donne è ancora controverso. Tuttavia, è possibile presumere che le complicazioni legate al fumo e alle disfunzioni sessuali siano simili in entrambi i sessi. Sia l’uso diretto che l’esposizione al tabacco sono fattori di rischio per lo sviluppo della disfunzione erettile.

Una recente meta-analisi di quattro studi prospettici di coorte e quattro studi caso-controllo che hanno coinvolto oltre 28.000 partecipanti ha mostrato che, rispetto ai non fumatori, l’odd ratio complessivo di ED negli studi prospettici di coorte era 1,51 (IC 95%: 1,34– 1,71) per i fumatori e 1,29 (IC 95%: 1,07-1,47) per gli ex fumatori. In uno studio prospettico, Pourmand et al. hanno riportato un effetto benefico sulla funzione erettile negli uomini che hanno smesso di fumare. Dopo 1 anno, lo stato di disfunzione erettile migliora del 25% negli ex fumatori ma in nessuno delle persone che continuano a fumare. Secondo Harte e Meston, gli effetti dell’assunzione acuta di nicotina diminuisce del 30% la stimolazione genitale e provoca un’alterazione della normale risposta sessuale. Battaglia et al. riferiscono che gli effetti anti-estrogenici del fumo hanno un impatto negativo sulla vascolarizzazione uterina, clitoridea e labiale. Effetti negativi sono presenti anche nella funzione orgasmica (che è ritardata) e in una diminuzione della lubrificazione vaginale. Pertanto, è possibile ipotizzare che il fumo sia un fattore di rischio nella funzione sessuale femminile, sebbene non siano ancora chiari i meccanismi fisiopatologici dei sintomi negativi del fumo sulla sessualità femminile. È importante sottolineare che uno degli effetti della nicotina è quello di avere un impatto negativo sugli ormoni sessuali (androgeni ed estrogeni) e sul flusso sanguigno clitorideo.

Pertanto, i sintomi sessuali come l’ipo lubrificazione possono essere determinati dal ridotto flusso di sangue genitale. Questa condizione può anche portare ad un ritardo dell’orgasmo e ad un declino più generale dei rapporti sessuali e un senso di insoddisfazione per il rapporto sessuale e la relazione di coppia. I dispositivi proposti sul mercato per poter ridurre il rischio di combustione tossica del fumo di sigaretta devono essere attentamente valutati per dimostrare con solide evidenze la loro capacità di avere un impatto positivo sulla salute sessuale e riproduttiva in entrambi i sessi prima di essere considerati come dei alibi per rimanere nell’abitudine al fumo.

Intervista su Relazioni Familiari


Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior

Alcol

Il consumo di alcol e il comportamento sessuale sono strettamente collegati. Sebbene errata, è diffusa la convinzione che l’alcol sia un potente facilitatore sessuale, agendo da afrodisiaco e spingendo la persona verso comportamenti disinibiti. Infatti, sebbene il consumo di alcol a basse dosi produca una leggera euforia, portando alcune persone ad essere più aperte o ricettive all’attività sessuale, a dosi più elevate l’alcol porta ad un effetto opposto in quanto tende ad attenuare la risposta sessuale in maniera dipendente dal genere.

In effetti, l’alcol è un depressore del sistema nervoso centrale che rallenta la funzione cerebrale, la respirazione e il flusso sanguigno. Di conseguenza, il consumo di alcol, in particolare nei soggetti dipendenti, porta allo sviluppo di una disfunzione sessuale, in particolare alla disfunzione erettile negli uomini e alla ridotta lubrificazione vaginale nelle donne.

Sebbene quasi identiche nella fisiopatologia, l’erezione e la lubrificazione esercitano, tuttavia, una diversa funzione dipendente dal genere nell’attività coitale. La significativa riduzione dell’erezione può ostacolare la penetrazione molto più della stessa riduzione della lubrificazione. Per questo motivo, la dipendenza dall’alcol ha un impatto molto maggiore sulle prestazioni sessuali negli uomini che nelle donne. Il consumo moderato di alcol può avere un effetto protettivo sulla disfunzione erettile sia nella popolazione generale che nel diabete. I dati di uno studio trasversale basato sulla valutazione dell’associazione tra consumo abituale di alcol e DE in Australia hanno rivelato che la probabilità di sviluppare DE tra i bevitori era inferiore tra gli uomini che consumavano tra 1 e 20 porzioni standard a settimana.

In generale, i risultati complessivi indicano che il consumo di una moderata quantità di alcol a settimana offre un grado di protezione più elevato. Gli effetti benefici dell’alcol sulla funzione erettile possono essere in parte dovuti ai benefici a lungo termine dell’alcol sull’aumento della biodisponibilità di NO. Questi risultati necessitano di conferma in popolazioni più ampie e con età e comorbidità diverse. Non c’è dubbio che l’uso eccessivo di alcol non solo ha effetti negativi sull’aspettativa di vita, ma riduce significativamente la qualità della salute sessuale e relazionale attraverso meccanismi neuro- e vasculo-degenerativi, nonché la tossicità ormonale.

Il vero alcolismo alla fine ha un impatto devastante sia sulla vita sociale che su quella sessuale. La maggior parte delle donne che bevono grandi quantità di alcol riferisce disfunzioni sessuali. In uno studio, le pazienti di sesso femminile in cerca di trattamento per la sindrome da dipendenza da alcol hanno riportato per lo più un basso desiderio sessuale (55%), incapacità di raggiungere l’orgasmo (52,5%) e, una volta raggiunto, insoddisfacente (50%). Rispetto alle donne sane, le donne alcoldipendenti hanno riportato punteggi più bassi in tutti i domini sessuali.

Bassi livelli di istruzione, inizio precoce dell’alcol, consumo prolungato di alcol e dipendenza da altre sostanze sembrano essere il predittore più significativo dello sviluppo di disfunzioni sessuali. Paradossalmente, nonostante il disturbo da desiderio sessuale ipoattivo, sia la promiscuità che la frequenza dell’attività sessuale (non protetta) sembrano aumentate sia nell’abuso alcolico cronico che in quello acuto.

Festival della Coppia - La terapia di coppia dopo un tradimento

Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia
come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior

Facebook   Twitter

Uso di sostanze

Gli effetti psicologici e fisiologici che le sostanze psicoattive inducono sono di natura estremamente variabile, in quanto dipendono non solo dall’aspetto farmacodinamico della molecola stessa ma anche dalle modalità di assunzione (fumo, per via orale, intranasale, parenterale), dose, stati emotivi , aspettative relative all’assunzione della sostanza e al valore che ha accreditato.

Nonostante l’effetto di droghe e alcol sui comportamenti sessuali di un individuo, le disfunzioni sessuali hanno ricevuto un’attenzione limitata nel campo delle dipendenze. Ciò è particolarmente strano, considerando che l’uso di droghe illegali è molto legato al tentativo di superare una reale ipotetica disfunzione sessuale. Recentemente, un numero crescente di persone assume volontariamente farmaci psicoattivi ( Gamma-idrossibutirrato, gamma-butirrolattone, 1,4-butandiolo, mefedrone, metanfetamina, farmaci ED e alchil nitriti ) al fine di migliorare le prestazioni sessuali. Questo fenomeno, chiamato “ChemSex”, è frequente nei giovani e soprattutto, ma non esclusivamente, nel contesto omosessuale maschile.


NON E' MAI TROPPO TARDI PER INIZIARE UNA TERAPIA DI COPPIA

Al momento, non ci sono studi che indaghino la prevalenza delle donne dipendenti da ChemSex. Marijuana Fumatori e consumatori di Marijuana e dei suoi derivati, definiti Hashish, a causa del loro agente attivo (delta-9-tetraidrocannabinolo, THC) possono incorrere in diversi rischi, soprattutto nei casi di abuso cronico. A questo proposito, molti studi hanno indagato la salute psicologica e la possibile esacerbazione delle malattie psicotiche. Più controversa è invece la relazione tra uso di marijuana e funzionamento sessuale. Un recente studio di Sun e Eisenberg ha suggerito, con un certo clamore anche da parte dei media tradizionali e dei social, che i consumatori di marijuana hanno una maggiore frequenza di rapporti sessuali rispetto ai non consumatori. Tuttavia, gli autori hanno chiaramente dichiarato i limiti del loro studio a causa delle informazioni auto-segnalate dai partecipanti che limitavano l’associazione diretta tra uso di marijuana e frequenza sessuale.

Un altro articolo riporta che marijuana e cannabinoidi hanno un impatto negativo e concorrono al calo fisiologico dei livelli di testosterone nei maschi, mentre nelle femmine la marijuana è legata a importanti effetti facilitatori.

Cocaina

L’uso di cocaina induce un aumento delle fantasie, della sensibilità fisica durante l’eccitazione, della capacità di raggiungere l’orgasmo e della soddisfazione sessuale in entrambi i sessi. Tuttavia, questi effetti si verificano solo nelle prime fasi del consumo. Il consumo di cocaina a lungo termine ha un effetto depressivo sull’attività sessuale, portando anche a una riduzione della capacità di raggiungere l’orgasmo.

L’uso della sostanza, talvolta avviato per favorire la stimolazione sessuale, può provocare a lungo termine alterazioni della sfera sessuale, provocando alterazioni del sistema endocrino e influenzando soprattutto l’equilibrio ormonale che controlla la funzione sessuale portando alla perdita del rapporto sessuale.

Contatti

Anfetamine

L’anfetamina è uno stimolante del sistema neurovegetativo simpatico. Il suo uso a breve termine si traduce in un aumento dell’attività motoria e del desiderio sessuale, un maggior senso di potere e autostima. Alcuni consumatori riferiscono che l’uso di anfetamine intensifica l’orgasmo e consente rapporti sessuali prolungati. È uno stimolante del sistema neurovegetativo simpatico e come tale è stato considerato un aiuto farmacologico in chi soffre di eiaculazione ritardata, sintomo caratterizzato dall’assenza di terapie mediche approvate. A lungo termine, però, come tutte le droghe illegali, compaiono i sintomi sessuali, come una diminuzione del desiderio sessuale, l’inibizione dell’orgasmo e, di conseguenza, una riduzione della soddisfazione sessuale.

Eroina

L’uso dell’eroina produce inizialmente benessere fisico, una sensazione di calma e serenità e aumenta una sensazione di fiducia in se stessi. Viene spesso utilizzata per diminuire il senso di inadeguatezza sessuale, per combattere l’ansia da prestazione, per migliorare le prestazioni sessuali o per controllare il riflesso eiaculatorio. Nelle donne, l’eroina può essere utilizzata per ridurre l’ansia e il dolore associati alla relazione in quanto produce il rilassamento dei muscoli del pavimento pelvico e forse un aumento della lubrificazione. Gli effetti tossici associati all’uso prolungato e continuo di eroina causano una rapida diminuzione della salute sessuale complessiva. Questo perché l’eroina interferisce con la regolazione centrale del sistema endocrino e quindi altera le funzioni coinvolte nei processi ormonali che interagiscono con i recettori endogeni degli oppioidi .

Gli uomini dipendenti dall’eroina riferiscono diversi disturbi sessuali come perdita della libido, disfunzione erettile, eiaculazione ritardata, incapacità di raggiungere l’orgasmo e infertilità.

Ecstasy

Nelle prime fasi dell’assunzione, l’ecstasy può essere utilizzata nel tentativo di superare la timidezza o il disagio associati a un incontro sessuale. Dà un senso di padronanza di sé, del proprio corpo e della sua sessualità. Alcune ricerche hanno dimostrato che la sostanza può portare ad un aumento dell’eccitazione o della sensibilità, e in particolare alla perdita dell’inibizione sessuale.

Questo fenomeno dipende dalla metanfetamina, un potente neurostimolatore che può amplificare la sensazione di benessere ed eccitazione e massimizzare l’esperienza sessuale e l’orgasmo. L’assunzione di ecstasy a lungo termine si traduce in una riduzione del desiderio sessuale, dell’erezione del pene, della lubrificazione vaginale, della capacità di raggiungere l’orgasmo e dell’essere sessualmente soddisfatti.

Intervista su Eiaculazione Precoce


Stress cronico

Molte persone sono quotidianamente esposte a esperienze di piccoli fattori di stress cronici, che sono fisiologici e portano a effetti benefici su salute, motivazione, prestazioni e benessere emotivo (eustress). Un accumulo costante di piccoli fattori di stress, come eventi traumatici importanti (angoscia), può potenzialmente contribuire alla disfunzione sessuale. Sebbene lo stress sia generalmente considerato un contributore importante della disfunzione sessuale, ci sono solo pochi studi in letteratura che indagano l’effetto dello stress cronico sulla funzione sessuale e più in generale sulla qualità della vita e sulla soddisfazione della relazione di coppia.

Dal punto di vista fisiologico, un aumento della tensione cronica induce alti livelli di cortisolo, che può causare effetti dannosi se rimane alterato a lungo termine. . Da un punto di vista psicologico, lo stress può alterare gli stati emotivi e cognitivi, impedendo all’individuo di concentrarsi sugli stimoli sessuali durante l’attività sessuale. La presenza di stress cronico sembra quindi produrre effetti dannosi sul desiderio sessuale e sull’eccitazione genitale È risaputo che esiste un circolo vizioso in cui disfunzioni sessuali, stress cronico, ansia e depressione compromettono la qualità della vita di un individuo. In questo contesto è necessario accompagnare la terapia farmacologica ai percorsi di consulenza psicologica e psicoterapia.

In uno studio prospettico su pazienti con disfunzione erettile, il gruppo che beneficiava sia del trattamento della PDE5i che delle tecniche di gestione dello stress (esercizi di respirazione diaframmatica e rilassamento muscolare progressivo) aveva livelli più bassi di cortisolo mattutino e punteggi migliori all’IIEF rispetto al gruppo di pazienti che seguivano solo la terapia farmacologica . Questi risultati hanno evidenziato come alti livelli di cortisolo possono inibire l’attività sessuale e sviluppare sintomi sessuali come la disfunzione erettile.

In un altro studio, un campione di donne con livelli di stress medio-alti è stato sottoposto alla visione di un film erotico. Le donne con livelli di stress elevati avevano livelli più bassi di eccitazione genitale, ma non psicologica, livelli più alti di cortisolo e hanno riportato più distrazioni durante il film erotico rispetto alle donne nel gruppo di stress medio. Pertanto, alti livelli di stress cronico sono correlati a livelli inferiori di eccitazione sessuale genitale. Sia i fattori psicologici che quelli ormonali sono correlati ai livelli più bassi di eccitazione sessuale osservati nelle donne con alti livelli di stress cronico

Conclusioni

La salute sessuale, una parte cruciale e fondamentale della salute generale, è una complessa interazione di aspetti culturali, sociali, relazionali, intrapsichici e biomedici. In presenza di diversi stili di vita malsani, spesso si verificano disfunzioni sessuali, che rappresentano per lo più il precursore di una condizione di salute fisica o mentale sottostante.

Fonte:

Mollaioli D, Ciocca G, Limoncin E, et al. Lifestyles and sexuality in men and women: the gender perspective in sexual medicine. Reprod Biol Endocrinol. 2020;18(1):10. Published 2020 Feb 17. doi:10.1186/s12958-019-0557-9

Immagine:

Pexels

Di Dr. Walter La Gatta

PSICOLOGO-PSICOTERAPEUTA SESSUOLOGO di Ancona - Psicoterapie individuali e di coppia online - Sessuologia (Sessuologia Clinica, individuale e di coppia) - Tecniche di rilassamento e Ipnosi - Disturbi d’ansia, timidezza e fobie sociali Per appuntamenti: 348 – 331 4908 Sito personale: www.walterlagatta.it Altri Siti: www.psicolinea.it www.clinicadellatimidezza.it www.festivaldellacoppia.it ISCRIVITI ALLA PAGINA FACEBOOK! w.lagatta@psicolinea.it Tel. 348 3314908 Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *