• 19 Maggio 2024 17:31

Clinica della Coppia

Che l'amore è tutto è tutto quello che sappiamo dell'amore. Emily Dickinson

Litigare per ragioni di denaro

LITIGARE PER RAGIONI DI DENARO

Dr. Walter La Gatta

Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior

Quanto è frequente litigare per questioni relative all’uso del denaro?

Se in coppia vi capita di litigare per ragioni di denaro, sappiate intanto che non siete una coppia né unica, né rara: molti studi hanno dimostrato che le preoccupazioni economiche sono tra le fonti più comuni di disaccordo per le coppie (secondo una ricerca APA del 2014 quasi un terzo degli adulti con partner, il 31% ha riferito che il denaro è una delle principali fonti di conflitto nella propria relazione).

Le discussioni che riguardano il denaro sono più facili da risolvere, rispetto ad altri problemi della coppia?

Purtroppo no. Anche se confrontati con altri argomenti delicati, i conflitti che riguardano il denaro tendono ad essere più intensi, più problematici e hanno maggiori probabilità di rimanere irrisolti (Kirkcaldy, B., e Furnham, A., 1993).

Questo accade perché quando le coppie discutono su come spendere i soldi, non stanno parlando solo di questo, ma stanno dando voce ad ansie inconsce di cui loro stessi potrebbero non essere a conoscenza.

Quali sono queste ansie inconsce?

A volte può capitare di essersi messi in coppia con una persona completamente diversa da sé, che però proprio per questa ragione era molto attraente. Con una persona con caratteristiche opposte ci si può sentire più sicuri o più completi; il problema è che avere una differente visione del mondo. o caratteristiche di personalità diverse, possono comportare anche una diversa visione sull’uso del denaro.

E’ importante dunque che i due partner siano informati del fatto che ciascuno può reagire, nei confronti delle questioni relative al denaro, anche in maniera inconsapevole, in base alle credenze familiari, o all’ambiente in cui si è cresciuti.

Se, ad esempio, si è cresciuti in un ambiente molto povero si potrebbe avere una motivazione quasi inconscia a non voler spendere soldi e al risparmio compulsivo, ma non è sempre così. Persone provenienti da ambienti disagiati, infatti, potrebbero non temere la povertà e dunque essere portate a voler spendere tutto nel qui e ora ( tanto i pochi risparmi che si possono fare non danno comunque alcuna sicurezza).

La terapia di coppia offre
un percorso verso il cambiamento,
immediato e duraturo.
La terapia di coppia offre un percorso verso il cambiamento - Clinica della Coppia

Quando si sviluppa un atteggiamento stabile verso il denaro?

L’atteggiamento verso il denaro si stabilisce già durante l’infanzia e l’adolescenza, cioè molto prima di confondere le proprie finanze con quelle del/della partner. Le ricerche condotte in proposito mostrano che si tende a ereditare atteggiamenti, valori e convinzioni sul denaro dai propri genitori e dagli altri membri della famiglia.

Quando una coppia litiga per denaro?

La ragione principale si ha quando uno dei due tende a spendere impulsivamente, senza pensare al futuro, mentre l’altro vuole risparmiare il più possibile.

Come si può prevenire questo genere di conflitti?

All’inizio di una relazione, molte coppie discutono delle loro opinioni sul matrimonio, sui figli, sul lavoro, sulla casa, ecc. Sfortunatamente però, le coppie non parlano mai troppo approfonditamente riguardo alle loro convinzioni sull’uso del denaro e sugli obiettivi economici che si prefiggono nel medio-lungo periodo. Per fortuna non è mai troppo tardi per decidere di fare questa chiacchierata con il/la partner 😉

Cosa occorrerebbe chiedere al/alla partner prima di cominciare una vita comune?

Le domande più importanti da porre potrebbero essere queste:

  • Cosa ti hanno insegnato i tuoi genitori riguardo ai soldi?
  • Quali sono i tuoi obiettivi economici nel medio-lungo periodo?
  • Quali sono le tue paure riguardo ai soldi?
  • Quale è il più doloroso ricordo che hai circa il denaro?
  • Quale è il tuo ricordo più piacevole sul denaro?
  • Come hanno influito queste esperienze sulla tua vita?
  • La tua famiglia era povera, ricca o di classe media?
  • Come ti piace spendere i soldi?

Comprendere le posizioni del/della partner può aiutare a stabilire delle regole, evitando i conflitti e preparando il terreno per discussioni sane sull’uso comune del denaro, anche raggiungendo dei compromessi.

A2

Quali compromessi si possono raggiungere?

Ad esempio, ci sono coppie in cui uno dei due sente sempre di non avere abbastanza denaro e tende ad accumulare compulsivamente, anche quando la coppia si potrebbe permettere un tenore di vita migliore: anche l’acquisto di un divano per qualcuno potrebbe diventare una spesa superflua, dal momento che ci sono le sedie…

Il risparmiatore dovrebbe comprendere che, con il divano, la qualità della vita potrebbe migliorare molto: perché in questi casi non ascoltare le richieste dell’altro e giungere ad un compromesso? Magari si potrebbe proporre di acquistare un divano comodo, anche se meno costoso rispetto a quello desiderato dal partner spendaccione, perché ricoperto con tessuti meno pregiati.

Scopri chi siamo e di cosa ci occupiamo!


Cosa accade se i due partner sono entrambi propensi a spendere, ma su oggetti diversi?

Anche questo è un tema ricorrente; c’è a chi piace la vacanza di lusso e a chi piace migliorare la propria casa, ad esempio. I due partners dovrebbero cercare di capire meglio cosa ci sia dietro un desiderio di acquisto. Perché il marito vuole comprarsi la barca a vela? Lui dice che lavora sodo e “se la merita”. Cosa significa per lui lavorare sodo, perché si sente così in difficoltà? La moglie non dovrebbe fermarsi solo a ragionare sulla barca a vela, ma cercare di comprendere meglio le ragioni espresse dal marito ed eventualmente proporre soluzioni alternative che permettano una spesa più contenuta, senza togliere al marito le soddisfazioni che gli mancano.

La stessa cosa potrebbe fare il marito quando la moglie sente la necessità di ristrutturare la casa, anche se apparentemente non ve ne è alcuna ragione, ma lei sente questo quasi come un diritto. Rispondere sempre di no potrebbe essere percepito come un “non gli importa nulla dei miei bisogni”.  Il marito potrebbe accorgersi che un lampadario nuovo e un po’ di attenzione nell’andare a scegliere insieme dei soprammobili potrebbe placare il desiderio impulsivo di ristrutturare tutto. Forse alla moglie mancavano solo delle attenzioni, ma lei stessa non riusciva ad individuare le cause del suo malessere.

La chiave del compromesso è dunque quella di comprendere le esigenze del partner: la barca a vela o la ristrutturazione della casa possono essere non solo desideri superficiali, ma anche il tentativo di realizzare delle aspirazioni personali, di esprimere la propria personalità, di darsi delle ricompense.

L'importanza di stare bene con se stessi
per migliorare il rapporto di coppia

Come vivere bene anche se in coppia

Qualche argomento del libro:

  • Comunicazione e dialogo nella coppia
  • Ascolto e comprensione
  • Praticare la gratitudine
  • Complicità e condivisione
  • Non dare per scontato il sentimento e il rapporto

Scritto dai fondatori della Clinica della Coppia.
Online, o nelle migliori librerie.

Come si fa a riconquistare la stima del partner con cui non si va d’accordo sulle questioni economiche?

La soluzione sta nel cercare di trasformare la rabbia nei confronti dell’altro in empatia per le motivazioni che lo/la portano a fare determinate scelte.

Come si fa ad avere una vera parità nella gestione del denaro?

In genere le coppie si danno dei ruoli per quanto riguarda la gestione del denaro, ma a volte questi ruoli non sono paritari: c’è infatti chi controlla il budget della spesa e chi fa investimenti finanziari sui risparmi comuni. Per evitare la disarmonia dei ruoli sarebbe opportuno scambiarsi spesso questi ruoli, anche per rendere i due partners entrambi autonomi e capaci di gestire le risorse economiche.

Perché gli argomenti che riguardano i soldi sono sempre spinosi in una coppia?

Le coppie, in particolare all’inizio della relazione, spesso evitano i discorsi sulla gestione del denaro perché sembra poco romantico e perché hanno una sorta di pensiero magico secondo il quale l’amore permetterà di risolvere tutti i problemi, anche senza parlarne.

Non è così, specialmente se c’è una differenza significativa nelle entrate dei due partners e se vi sono visioni diverse riguardo allo stile di vita. Per questo sarebbe importante poter discutere apertamente di questi argomenti, cercando di comprendere le motivazioni che spingono a comportarsi in un modo o nell’altro.

Ci sono altri suggerimenti utili?

Si, ci sono alcuni suggerimenti che possono essere d’aiuto:

  1. Chiedere al partner risparmiatore di ridurre il risparmio del 20% mentre l’altro comincia a risparmiare, riducendosi il budget del 20%.
  2. Prendere sempre insieme le decisioni sulle spese da fare, per l’acquisto di un divano, così come per la pianificazione di una vacanza.
  3. Impostare obiettivi di risparmio specifici e non generici, e valutare in che modo essi possono influenzare le spese di ogni giorno.
  4. Scrivere su un foglietto quale importo i due partner ritengono rispettivamente ottimale per la spesa che stanno per fare. Una volta scritto l’importo chiedere all’altro: da dove viene questo importo, perché hai scritto questo numero? Spesso la risposta è legata ad un ricordo d’infanzia, a qualcosa sentito dire, ecc.  I due partners a questo punto, sentite le ragioni dell’altro, possono rinegoziare i valori e giungere ad un compromesso, che potrebbe essere un importo medio fra i due valori rinegoziati dopo aver sentito le esigenze dell’altro.

Quando è utile cercare un aiuto professionale?

Quando le coppie si ritrovano ad avere sempre gli stessi litigi, ancora e ancora, sempre per gli stessi motivi, che riguardano le spese e i risparmi, vale la pena sperimentare una terapia di coppia. Un terapeuta può essere efficace nell’aiutare i due partners a cambiare i propri comportamenti e ad uscire dagli schemi disfunzionali che li portano al conflitto.

Dr. Walter La Gatta


Ipnosi clinica

Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia
come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior


TERAPIE SESSUALI - CLINICA DELLA COPPIA

La Terapia di Coppia?
Un regalo perfetto!

Buono Terapia

INIZIATE UNA TERAPIA DI COPPIA CON NOI


  • Lo psicologo Junior (Jr.) è psicoterapeuta sessuologo (in formazione), iscritto all'Albo degli Psicologi da meno di 4 anni.

  • Lo psicologo Senior (Sr.) è psicoterapeuta sessuologo completamente formato, con almeno 10 anni di esperienza clinica.

♥ Per Info e Appuntamenti:

informazioni@clinicadellacoppia.it

Per informazioni più veloci,
usare il pulsante Whatsapp, 
in basso a sinistra, nell'HomePage.

 

Immagine:
Freepik

Di Dr. Walter La Gatta

PSICOLOGO-PSICOTERAPEUTA SESSUOLOGO di Ancona - Psicoterapie individuali e di coppia online - Sessuologia (Sessuologia Clinica, individuale e di coppia) - Tecniche di rilassamento e Ipnosi - Disturbi d’ansia, timidezza e fobie sociali Per appuntamenti: 348 – 331 4908 Sito personale: www.walterlagatta.it Altri Siti: www.psicolinea.it www.clinicadellatimidezza.it www.festivaldellacoppia.it ISCRIVITI ALLA PAGINA FACEBOOK! w.lagatta@psicolinea.it Tel. 348 3314908 Il Dr. Walter La Gatta presta la sua attività professionale su Clinica della Coppia come Direttore Scientifico e Terapeuta Senior.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *