Spinta alla separazione dopo un matrimonio durato 24 anni a stretto contatto con la suocera e avvenuto in seguito a un tradimento e durante la grave malattia della cognata, poi morta e della morte di mia madre anche lei gravemente malata”la mia famiglia d’origine abita molto lontano”.ho subito problemi gravi sul lavoro spostamenti e cambiamenti di colleghe e mansioni mi sono sentita abbandonata e mi sono abbandonata. A distanza di 7 anni non reagisco a niente e la mia identita’ vacilla,come il ruolo di madre, moglie,figlia, sorella, maestra ,donna,persona .Abito nella casa dove abita la mia ex suocera,dove ho vissuto il matrimonio, i rapporti sono conflittuali, mio marito abita nella casa costruita insieme, non so se ha relazione con l’amante o altre donne.Va a trovare la madre tutti i giorni e a mangiare. Ho continuato a vivere in questo paese dove abito da 30 anni ,subisco non so reagire ogni volta provo ma faccio male a me e i miei figli .Faccio da madre a mio marito e ho gravi sensi di colpa e rabbia che scarico su mio padre i miei fratelli, la sorella,e i miei figli che avvicino e allontano da mio marito e mia suocera che si difendono e mi allontanano e da me la situazione finanziaria non riesco a gestirla. SOFFRO di panico AIUTATEMI non so che fare ho paura.
A.

Gentilissima A.,

Vorrei davvero poterla aiutare attraverso questo sito, ma lei capisce che non posso offrirle altro che ascolto, attenzione, vicinanza emotiva e comprensione. La sua è una situazione sicuramente complicata e lei avrebbe bisogno di persone che, sul luogo, le possano dare ciò di cui ha bisogno per ritrovare un po’ di serenità. Credo che la separazione, i problemi sul lavoro, le malattie e le morti delle persone care, abbiano contribuito a crearle una situazione di profonda sofferenza, che le ha devastato ogni fiducia in sé stessa e ogni speranza per il futuro. L’unico consiglio che posso darle è quello di affidarsi ad uno psicoterapeuta della sua città, che possa aiutarla a ritrovare un po’ di fiducia in sé stessa, inizialmente anche attraverso l’uso dei farmaci (se dovesse essere necessario!). In ogni caso, ciò che è più importante per lei in questo momento è che possa mettere un punto su questa triste vicenda e reagire, accettando come prima cosa le cure ed il sostegno psicologico di cui ha bisogno.
Ci scriva ancora se questo può aiutarla a stare meglio.
Con i migliori auguri.

Dr. Giuliana Proietti

Immagine: Alaskan Dude

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti


● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post

Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Ultimo libro: Come vivere bene, anche se in coppia, Franco Angeli, 2016

CONDIVIDI I MIEI AGGIORNAMENTI SU FACEBOOK!
Dr. Giuliana Proietti Psicologa Psicoterapeuta Sessuologa 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *