Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Un nuovo studio, condotto da Hui Liu, professore associato di sociologia presso la Michigan State University di East Lansing e pubblicato nella rivista Journals of Gerontology: Social Sciences ha fatto una scoperta sorprendente: gli uomini si ammalano di meno, ad esempio di diabete, se sono in coppia (ed anche se il rapporto di coppia non è felice).

Nel 2012 vi erano 29,1 milioni di americani, cioè il 9,3 per cento della popolazione, ammalati di diabete . Questa cifra comprende 8,1 milioni di persone che non hanno ricevuto una diagnosi ufficiale. Tuttavia, tra gli americani più anziani, la prevalenza del diabete è molto più alta: il 25,9 per cento degli adulti di età superiore ai 65 anni e oltre, cioè 11,8 milioni di anziani si pensa abbia questa malattia.

In questo contesto, l’obiettivo dello studio era quello di esaminare il legame tra la qualità coniugale e il rischio di sviluppare il diabete.

Basandosi sui dati NSHAP (National Social Life, Health and Aging Project)  il Prof. Liu e colleghi hanno potuto analizzare i casi di 1.228 uomini e donne sposati, di età compresa tra 57 e 85 anni, in una prima rilevazione (condotta negli anni 2005-2006) ed in una seconda rilevazione (2010-2011): durante questa seconda rilevazione, 389 persone soffrivano di diabete.

I dati analizzati permettevano di comprendere se vi fossero elementi di soddisfazione nel rapporto attuale con il partner, il comportamentodel partner, l’intimità, l’atteggiamento collaborativo, i contatti sessuali.

La scoperta più sorprendente di questa ricerca riguarda gli uomini: anche una qualità negativa della relazione coniugale riduce il rischio di sviluppare il diabete e permette una migliore gestione della malattia, una volta diagnosticata.

I ricercatori pensano che questo accada perché il diabete è una malattia che ha bisogno di un attento e costante monitoraggio, cosa che anche una moglie fastidiosa fa, migliorando la salute del marito, anche se apparentemente questi comportamenti possono apparire eccessivamente stressanti e alimentare le tensioni coniugali.

Per le donne invece, il minor rischio di sviluppare il diabete è dovuto esclusivamente ad una relazione coniugale positiva. Il Prof. Liu suggerisce che questo potrebbe essere dovuto al fatto che le donne sono più sensibili alla qualità coniugale e quindi più propense a sperimentare questo come un effetto positivo sulla salute.

Questi risultati impongono ulteriori domande da farsi: su cosa definisca la qualità coniugale negativa o positiva, e in quale misura queste valutazioni possano differire tra i sessi.

Dr. Giuliana Proietti

Fonte
Diabetes risk ‘surprisingly lower’ in older men who are unhappily married, Medical News Today

Immagine:
Wikimedia

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti


● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post

Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Ultimo libro: Come vivere bene, anche se in coppia, Franco Angeli, 2016

CONDIVIDI I MIEI AGGIORNAMENTI SU FACEBOOK!
Dr. Giuliana Proietti Psicologa Psicoterapeuta Sessuologa 
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *