QUESITI

UNA LETTRICE, I SUOI QUESITI

Egregi,

ho incontrato su internet il Vs.sito e l’ho trovato interessante, anche se onestamente non ho avuto il tempo per approfondirne molto la lettura.

Io avrei dei quesiti che mi attanagliano su una relazione che sto vivendo…e spero possiate aiutarmi.

Sono un professionista trentenne di elevato livello culturale anche se non propriamente ricco e vivo attualmente in una grande città italiana; ho avuto modo di conoscere tramite una importante agenzia matrimoniale una ragazza con qualche anno meno di me. Ero alla ricerca di una storia concreta, anche se non necessariamente matrimoniale, stanco di incontri senza senso e con donne di livello mediocre; la compagna che mi venne presentata sembrava rispondere a certi requisiti.

Non troppo bella ma in decisa fase di miglioramento – al punto che ora è piuttosto carina, dopo nemmeno tre mesi che ci vediamo – e così poco superficiale da mettere nel profilo dell’agenzia una sua foto nel momento di maggior…peso (ora è molto dimagrita). Ben vestita e capace di variare rapidamente il proprio aspetto…e questo, per quanto riguarda la superficie. Per il resto: faceva fino a poco tempo prima un lavoro difficilissimo e di altissimo contenuto tecnico scientifico, e aveva iniziato a praticarlo molto precocemente. un genio, o quasi. Cultura tecnica elevata, generale almeno discreta, intelligenza spiccata; viene da una famiglia di notevoli possibilità economiche e ha numerosi contatti ed agganci ad alto livello. Sin dall’inizio si è mostrata “innamorata” e quasi folgorata dal sottoscritto, cercandomi spesso fra telefonate, sms e quant’altro; premurosa, attenta, precisa nonostante una certa attitudine al disordine in casa (vive sola in una casa di sua proprietà, il che è già di per sé indicativo). Nonostante le sue premure, c’erano delle cose che non mi tornavano…campanelli d’allarme: oltre a strani sguardi e strane intonazioni di voce, a volte, la pressione per creare subito, senza gradualità, un vincolo importante, con discorsi precocissimi sul matrimonio; un certo calore sessuale, a volte eccessivo, condito dalla presenza per casa di strani oggetti sessuali che uno “non si aspetterebbe” in una che fa di tutto per apparire placida e “brava ragazza” (non ho nessuna passione per le brave ragazze, quindi perché sforzarsi di apparire così?) e intervallati poi a momenti di strano silenzio sessuale; il dichiarare quasi subito, di converso, appena conosciuti, di aver praticato sesso trasgressivo, dichiarazione condita poi però da numerosi ripensamenti in ogni senso (“sì, mi è piaciuto, ma poi che sensi di colpa ho avuto, non lo rifarei…” “Si, lo rifarei, ho paura solo dei sensi di colpa…”); la ripetizione ossessiva di certi cliché suoi personali, quasi a volersene convincere (“ho avuto pochi uomini”, “non ho mai tradito”, “IO NON MENTO MAI”…), ed altre cose: il fatto di aver sempre lasciato lei i fidanzati ufficiali; il fatto che nemmeno loro si fidassero di lei, probabilmente per le numerosissime contraddizioni nei suoi discorsi; la sua elevatissima permalosità: non puoi rinfacciarle, nemmeno con garbo (come faccio io) le contraddizioni che s’inalbera e in modo astioso, senza mai rendersi conto di poter sbagliare a volte anche lei; il fatto che abbia…fatto provocare dei danni seri (aiutata da conoscenze e potere…)a un fidanzato precedente che aveva tenuto a suo dire un comportamento “negativo”.…. Omissis…. Vi ringrazio anticipatamente per l’attenzione.

Cordiali saluti
Pasquale

Gentilissimo,

Quando ci si rivolge ad una agenzia matrimoniale, di questi tempi, non è certo per cercare un’avventura di tipo sessuale, visto che queste ormai si ottengono con un semplice clic su uno dei tanti siti specializzati. Lo si potrebbe fare per cercare un vero amore, dopo tante delusioni, nella speranza di essere messi in contatto con delle persone che sono intenzionate a costruire delle storie sentimentali serie e di lunga durata. (Questa forse era la sua motivazione) Un altro tipo di clienti che si incontrano frequentemente nell’agenzia matrimoniale però sono quelle persone che cercano un matrimonio tradizionale, con una persona di livello socialmente alto, o almeno dignitoso, perché nel loro ambiente non potrebbero più raggiungere questo obiettivo, tanto sono ormai screditate ed indicate a dito. Queste persone, attraverso il matrimonio, vogliono forse dimostrare qualcosa a qualcuno che le ha ferite o, più semplicemente, vogliono cambiare il loro stile di vita, conquistando uno status che nel loro ambiente è evidentemente ancora considerato. La ragazza che lei ha incontrato mi sembrerebbe appartenere a questa ultima categoria. Non so dirle da cosa fugge e cosa vorrebbe conseguire con il matrimonio, ma di certo la sua è una scelta mirata e lei probabilmente, pur non essendo ricco, ha tutte le caratteristiche che potrebbero conferire ad una moglie una certa rispettabilità sociale.
A me sembra tuttavia che anche lei sia incuriosito e attratto da questa ragazza, almeno sessualmente parlando ed è forse questo che non l’ha fatta ancora scappare a gambe levate, seppure si renda conto che molte cose sono troppo strane e che la ragazza stia mentendo spudoratamente, sia sul passato, sia sul presente (atteggiamento che certo non contribuirebbe a farne una buona compagna di vita).
Quanto alla ragazza, la volubilità e la compulsività che traspaiono dall’organizzazione/partecipazione a questo tipo di incontri, unita ad un passato di depressione, disturbi alimentari, tossicodipendenza ed alcolismo, fanno sospettare una personalità borderline (ma naturalmente non la prenda come una diagnosi a distanza, perché gli elementi sono ancora troppo pochi per esserne certi). Faccia però attenzione, perché potrebbe trattarsi di un disturbo di personalità piuttosto grave.

Cordialmente,

Dr. Giuliana Proietti

Immagine:  Flickr

Dr. Giuliana Proietti on BloggerDr. Giuliana Proietti on EmailDr. Giuliana Proietti on FacebookDr. Giuliana Proietti on GoogleDr. Giuliana Proietti on LinkedinDr. Giuliana Proietti on Twitter
Dr. Giuliana Proietti


● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post

Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Ultimo libro: Come vivere bene, anche se in coppia, Franco Angeli, 2016

CONDIVIDI I MIEI AGGIORNAMENTI SU FACEBOOK!
Dr. Giuliana Proietti Psicologa Psicoterapeuta Sessuologa 

One thought on “Quesiti che attanagliano – Consulenza online”

  1. Sono l'autore del post e volevo darvi degli aggiornamenti: la storia procede e migliora di giorno in giorno, anche perché sebbene strana la persona che vi descrivevo rivela che quel che le mancava è proprio uno che le desse fiducia. A ben vedere è molto diversa da quella matta che dice di essere stata e in ogni caso la adoro proprio (e anche) per tutto questo, anche perché non sono meno strano di lei. Era proprio quello che volevo e l'ho capito un po'tardi, ma in tempo. Spero solo di non deluderla mai e sputo in faccia ai moralisti come l'anonimo qui sopra che dice “puuuu che schifo”. Un saluto a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *