restare in coppia
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Nelle società umane, così come nella coppia, la gestione del potere è stata (ed ancora in gran parte è…) predominio del maschio. La condizione di totale dipendenza del sesso femminile da quello maschile ha cominciato a diminuire draticamente solo a partire dalla metà del secolo scorso, per una serie di ragioni: il lavoro femminile fuori dalle mura domestiche, l’accesso femminile all’istruzione, il controllo delle nascite, le lotte femministe.

Oggi anche all’interno della coppia il rapporto è divenuto maggiormente paritario rispetto al passato ed i ruoli dell’uomo e della donna non sono più rigidamente definiti: gli uomini possono occuparsi della casa e dei bambini, le donne possono essere le uniche a “portare a casa il pane”, cosa che alle nostre nonne e bisnonne sarebbe sicuramente sembrato incredibile.

Il sentimento dell’amore, per effetto delle stesse trasformazioni sociali, è diventuto centrale nella vita di coppia ed infatti i due partners si scelgono liberamente, senza tenere in considerazione il giudizio dei propri riferimenti sociali, culturali o familiari.

Non è stato sempre così: per molti secoli l’amore è stato nulla più che un concetto letterario affidato ai poeti. Solo i nobili, per la maggiore libertà personale di cui godevano, potevano in realtà permettersi di provare l’amore romantico, anche se erano spesso costretti a spoare persone che non amavano, per questioni di interesse e di lignaggio (nelle famiglie più aristocratiche, per evitare il frazionamento dell’eredità fra i vari figli, si poteva sposare solo per il primogenito, che diveniva capo del casato. I fratelli minori venivano indirizzati verso la carriera ecclesiastica, oppure dovevano accettare unioni di coppia non legittimate, avendo figli illegittimi. Le figlie femmine venivano invece tutte sposate, per favorire una più estesa rete di alleanze).

Gli uomini di status più elevato avevano dunque maggiori possibilità di sposarsi con una donna scelta fra le più desiderabili, rispetto a coloro che si posizionavano più in basso nella scala sociale.  Gli uomini più ricchi e potenti potevano addirittura permettersi, oltre alla moglie, anche numerose amanti (e dunque un maggior numero di figli, che venivano cresciuti insieme agli altri, anche se considerati illegittimi).

Con la cristianità, dal medioevo in poi, la poligamia e il concubinaggio sono stati combattuti sempre più duramente, attraverso la costante negazione dei diritti alle concubine e ai loro figli, nati fuori del matrimonio.

Nel matrimonio cristiano l’amore dato e richiesto al coniuge si poteva spiegare con le parole solidarietà, attenzione, cura e non certo attrazione, passione, desiderio, come può avvenire oggi: si amava il coniuge così come si amavano la casa, i beni i figli. Il piacere sessuale fra coniugi era considerato un mezzo per avere la prole e non un fine.

La prima spallata a questo tipo di matrimonio, che poteva terminare solo a causa della morte di uno dei due congiunti, è stata data in alcuni Paesi protestanti del Nord Europa con l’introduzione del divorzio, all’inizio per colpa di uno dei due coniugi (come in Scozia) e poi anche su semplice richiesta unilaterale.

Con l’introduzione e la diffusione del divorzio si è oggi passati da un regime rigidamente monogamico a una «monogamia seriale», in cui si fa coppia fissa con un partner fino a che ci si sente legati a questa persona dal sentimento dell’amore, dopo di che ci lascia, per vivere da single o per creare una nuova coppia (o una nuova famiglia).

Dalla relazione di coppia ci si attende moltissimo: in primis la soddisfazione dei bisogni affettivi e sessuali, ma anche comportamenti di solidarietà, di compagnia, di co-genitorialità, di co-responsabilità, dal punto di vista economico e della gestione familiare. Difficile mantenere questi standard di soddisfazione reciproca, soprattutto per quanto riguarda la sessualità… Oggi, dato l’allungamento della vita media, due ragazzi che si innamorano a 20 anni hanno davanti a sé almeno 60 anni di vita di coppia… Quando mai le coppie sono durate tanto?

Dr. Giuliana Proietti

Come vivere bene, anche se in coppia
Immagine:
Wikimedia

 

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti


● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post

Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Ultimo libro: Come vivere bene, anche se in coppia, Franco Angeli, 2016

CONDIVIDI I MIEI AGGIORNAMENTI SU FACEBOOK!
Dr. Giuliana Proietti Psicologa Psicoterapeuta Sessuologa 
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *