orgasmo
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Buongiorno , mi chiamo C e sto insieme al mio ragazzo F da 6 anni e mezzo , conviviamo da 1 anno e mezzo . Il nostro rapporto è sempre stato perfetto anche se siamo molto diversi , e sin dal primo giorno non ci siamo mai imbarazzati a parlare o fare qualsiasi cosa insieme . Purtroppo da febbraio non riesco più a raggiungere l orgasmo quando facciamo sesso ( mentre con la masturbazione si ). Ci sono rapporti dove provo piacere ma non fino in fondo , ultimamente però è come se non provassi proprio niente, in più appena lui inizia a toccarmi o a leccarmi nelle parti intime mi da anche fastidio ( e mi fa anche un po solletico ) e inizio ad imbarazzarmi e ad agitarmi. L altra sera infatti dal nervoso sono scoppiata a piangere r con lui non sono riuscita a parlare di tutto questo, sa che ho un problema e mi dice che ovviamente devo risolverlo e capire cosa è .lui mi ha detto che è da due mesi che non cerca più di fare sesso con me perche appunto mi vede strana. . Io non so come mai mi sta succedendo questo … potete aiutarmi ? Grazie !

Gentilissima,

La sua domanda non è chiarissima, in quanto non si capisce in che modo prima raggiungesse l’orgasmo (e ora non più). Con la penetrazione? Con la stimolazione manuale? Con la stimolazione orale? Con tutti questi atti sessuali messi insieme? Non capisco poi perché prima non eravate mai imbarazzati a fare cose insieme, mentre ora lei si senta in imbarazzo… L’imbarazzo è un’emozione che si prova quando si pensa che altri possano esprimere valutazioni negative sul proprio comportamento, quando ci si sente esaminati, quando si vive una situazione come una minaccia, quando si è consapevoli di apparire agli altri in un modo diverso da quello atteso o desiderato…

Mi chiedo dunque perché lei abbia usato proprio questa parola, “imbarazzo” per una situazione intima, che riguarda una persona con cui convive da un anno e mezzo e che conosce intimamente da sei anni. Perché si trova in imbarazzo davanti a lui? Cosa succede di nuovo per cui lei non vuole più mostrarsi per quello che è, perché l’intimità le crea questo conflitto interiore? Potrebbe ad esempio trattarsi di una infatuazione per un’altra persona? Della paura o del rifiuto di una gravidanza? L’imbarazzo infatti è anche un modo per chiedere scusa, attraverso il linguaggio non verbale, al fine di evitare un giudizio troppo severo (o addirittura un’aggressione).

Occorrerebbe saperne molte di più, su di lei e sulla vostra relazione, per poterle dare una risposta più approfondita. Mi chiedo ad esempio se lei sia stata sempre sincera nel dimostrare di provare piacere (ed ora si sia stancata di recitare la parte), oppure se abbia perso stima e fiducia nel suo compagno, oppure se il vostro rapporto sia troppo stanco, divenuto ormai una routine, senza più niente da scoprire, niente di misterioso e affascinante da trovare nell’altro. In ogni caso, è chiaro che lei vive ormai uno stato di ansia anticipatoria prima del rapporto, che non le permette di concentrarsi su ciò che sta facendo ed è questo che le impedisce di raggiungere il piacere.

Il solletico (che evidentemente prima non provava) è un sintomo di fastidio, che lei percepisce perché non riesce a lasciarsi andare e non riesce più a sopportare l’idea stessa di avere un contatto intimo con il suo partner. Il fatto che l’autoerotismo non presenti problemi è la prova che non vi sono disfunzioni organiche, ma temi di carattere psicosessuologico da conoscere ed approfondire.

Andare dal sessuologo in questi casi mi sembra la cosa più sensata da farsi, non solo per cercare di dare una risposta alle proprie domande, ma anche per porsi chiaramente quelle domande che talvolta, da soli, si cerca di evitare.

Cordialmente,
Dr. Giuliana Proietti

Immagine:
Flickr

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti


● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post

Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Ultimo libro: Come vivere bene, anche se in coppia, Franco Angeli, 2016

CONDIVIDI I MIEI AGGIORNAMENTI SU FACEBOOK!
Dr. Giuliana Proietti Psicologa Psicoterapeuta Sessuologa 
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *