Il gene dello sperma ha 600 milioni di anni

Share Button

Il gene che negli uomini è responsabile della produzione di sperma ha 600 milioni di anni e sembra essere l’unico gene richiesto per la produzione del seme maschile in tutti gli animali, dagli insetti ai mammiferi.Il gene si chiama Boule e la sua funzione non si è mai modificata durante il lungo tempo dell’evoluzione. Lo affermano i ricercatori della Feinberg School of Medicine, presso la Northwestern University .

Essi hanno messo a confronto lo sperma di moscerini della frutta, ricci di mare,  galli, pesci e umani: se ad esempio toglievano il gene di Boule da un topo maschio, l’animale rimaneva in buona salute, ma non produceva più sperma.

La ricerca,pubblicata nella rivista PLoS Genetics, potrebbe avere diverse utilizzazioni nel trattamento dell’infertilità umana, o per mettere a punto un nuovo farmaco anticoncezionale maschile.

La capacità umana di produrre sperma si originò probabilmente all’alba dell’evoluzione animale, 600 milioni di anni fa. Questo fa pensare che probabilmente la produzione spermatica in tutte le speci ha un’origine comune, derivante da uno stesso prototipo, e probabilmente, come sostiene Eugene Xu, assistente presso la facoltà di ostetrica e ginecologia, questo gene è il gene di più antiche origini mai scoperto. 

Evidentemente il gene di Boule è così specifico ed efficace che, sorprendentemente, durante l’evoluzione non ha avuto ragione di modificarsi e di evolversi.

Fonte: Health24

Dr. Walter La Gatta

Immagine: Santa Rosa old Skool 

Dr. Walter La Gatta
Psicoterapeuta Sessuologo at Ellepi Associati
PSICOLOGO-PSICOTERAPEUTA
Ancona

- Psicoterapie individuali e di coppia
- Sessuologia (Sessuologia Clinica, individuale e di coppia)
- Tecniche di rilassamento e Ipnosi
- Disturbi d’ansia, timidezza e fobie sociali

Studio di Ancona
per appuntamenti: 348 – 331 4908

Commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *